M5S, Tosatto costretto a chiudere profilo fb perché è passato con i ribelli

Minacce e insulti
2 Minuti di Lettura

Un appello lanciato su Facebook e una casella di posta elettronica per organizzare la 'rivoltà degli ex attivisti del M5S, quelli che hanno lasciato il Movimento perché delusi. A lanciare l'appello agli iscritti alla prima associazione -quella creata da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio nel 2009- é stato venerdì scorso Andrea Tosatto, nome noto in ambienti grillini per aver composto l'inno di Italia 5 Stelle a Imola. Tosatto che si candida in una lista che vuole togliere gli obblighi introdotti dal decreto Lorenzin. Tosatto in queste ore ha chiuso la sua pagina Fb «per insulti», si tratta della bacheca dove aveva invitato i delusi del M5S ad un'assemblea pubblica per ritrovare il vero spirito del Movimento, suonando la carica per riprendersi il nome e simbolo sottraendoli ai vertici 5 Stelle con un'azione legale.

«Non voglio arrivare a bloccare una persona ogni tre per due - scrive Tosatto precisando che la pagina chiude temporaneamente - Non voglio perdere di vista il mio benessere nel tentativo di esprimere il mio punto di vista. Non siete fascisti dite? Un profilo libero chiude a causa vostra». Tosatto, compositore di alcune cover-sfottò con cui animò le kermesse grilline ('Finché c'è Currò' e 'cosa resterà di questi euro 80' solo per citarne alcune), nel suo appello si rivolgeva soprattutto agli iscritti della prima associazione, alcuni dei quali sono oggi rappresentati dal Comitato per la difesa dei diritti dell'associazione M5S, di cui fa parte lo stesso Tosatto. Si tratta dell'organismo guidato dall'avvocato Lorenzo Borré che ha promosso l'azione legale per togliere nome e simbolo a Grillo, con tanto di curatore degli interessi della originaria associazione nominato nelle settimane scorse dal tribunale di Genova

Lunedì 22 Gennaio 2018, 16:32 - Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio, 08:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA