M5S, miti infranti/ L’onestà perduta nella mancata “casa di vetro”

di Mario Ajello
Doveva essere il banco di prova dell’onestà-onestà-onestà. Avrebbe dovuto simboleggiare la discontinuità e la trasparenza. Invece, lo stadio della Roma è diventato il monumento, che non c’è, alle ombre e alle collisioni, alle pastette e al do ut des. Il fiore all’occhiello del “Campidoglio casa di vetro”, lo stadio come volano del consenso, si è trasformato così nel tallone d’Achille del movimento 5 stelle. Ma soprattutto in questo affaire si...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 14 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 00:10

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-06-14 23:15:45
Ma la Raggi in questa inchiesta non c'entra nulla, non le si può attribuire tutto quello che capita, sono coinvolti esponenti di vari partiti, e finchè non ci sarà un processo con relative condanne sono tutti innocenti, ma la Raggi proprio non c'entra nulla. E spero che se il progetto dello stadio è ok si faccia lo stesso, perchè ci sono in ballo posti di lavoro.
2018-06-14 09:33:38
vogliamo parlare,una tantum, di onestĂ  intellettuale perduta da parte di tanti giornalisti che legano l'asino dove vuole il padrone?
2018-06-14 08:45:44
Io non la farei così tragica, la dichiarazione della Raggi fa luce sulla posizione della giunta. Il problema è e resta sganciarsi dalla morsa dell'organizzazione mafiosa che ha sempre controllato il flusso del denaro pubblico.
3
  • 13
QUICKMAP