MATTEO SALVINI

Aquarius, la Spagna accoglie la nave. Sanchez: «Ragioni umanitarie». Conte ringrazia

Lunedì 11 Giugno 2018
306
Aquarius, la Spagna accoglie la nave. Sanchez: «Ragioni umanitarie». Conte ringrazia, Malta accusa l'Italia

La Spagna accoglie Aquarius, la nave dell'ong Sos Mediterranee con a bordo 629 migranti da ieri costretta a vagare nel Mediterraneoe per il no allo sbarco del governo italiano, e incassa il grazie dell'Ue per la dimostrazione di «vera solidarietà». Malta attacca l'Italia per aver «infranto le regole» e chiama l'Europa a «discutere perché non succeda di nuovo». Matteo Salvini intanto canta «vittoria. Alzare la voce paga», dice il vicepremier e leader della Lega, pronto a chiudere i porti anche alla Seawatch3, nave della ong tedesca che ha soccorso in mare 800 migranti. Nel M5s segnano tuttavia una distanza dal governo il presidente della Camera Roberto Fico e il sindaco di Livorno Filippo Nogarin. Il ministro del Trasporti, competente per i porti, Danilo Toninelli, sente invece un «vento nuovo di solidarietà in Europa».

LEGGI ANCHE Di Maio: sull'Aquarius non c'era alcuna emergenza
LEGGI ANCHE Salvini esulta: «Vittoria, alzare la voce paga»

 

La svolta su Aquarius è arrivAta all'improvviso dopo gli appelli di Onu e Ue e mentre infuriava lo scontro Italia-Malta. «È nostro obbligo aiutare ad evitare una catastrofe umanitaria e offrire un porto sicuro a queste persone», ha dichiarato il premier socialista spagnolo Pedro Sanchez«Non posso che ringraziare le autorità spagnole», ha detto il premier Giuseppe Conte spiegando che la decisione della Spagna va «nella direzione della solidarietà».

LEGGI ANCHE Muscat: «L'Italia viola le leggi internazionali»

Malta ringrazia. «Ringrazio il premier spagnolo Sanchez per aver accolto l'Aquarius dopo che l'Italia ha infranto le regole internazionali e ha provocato uno stallo». È quanto scrive su Twitter il premier maltese Joseph Muscat. «Malta - dice - invierà nuovi rifornimenti alla nave. Dovremo sederci e discutere su come evitare che ciò accada di nuovo. Si tratta di una questione europea».

La Ue. «Accogliamo con favore la decisione del governo spagnolo di consentire l'attracco di Aquarius a Valencia per ragioni umanitarie». Lo scrive in un tweet Dimitris Avramopoulos, commissario Ue. «Questa è vera solidarietà messa in pratica, sia nei confronti di queste persone disperate e vulnerabili che nei confronti degli altri stati membri dell'Unione Europea».

LEGGI ANCHE A bordo anche 11 bimbi e 7 donne incinte
 

L'appello di Msf. Nella tarda mattinata, mentre ​il ministro delle Infrastrutture chiedeva alla Ue di cambiare, senza lasciare sola l'Italia, sostenendo che le condizioni a bordo della nave Aquarius fossero buone da Medici senza frontiere arrivava la replica: «Abbiamo bisogno di un porto sicuro! Le persone a bordo sono esauste. Ritardi aumentano rischi per i più vulnerabili come bambini e donne incinte. Abbiamo cibo per un giorno. Chiediamo agli Stati Europei di dare priorità alla vita delle persone. Umani», è il tweet lanciato da Medici senza frontiere prima che arrivasse la mano tesa della Spagna. 

Il tweet di Ravasi. Dal Vaticano, il cardinal Ravasi cambia la citazione del Vangelo di Matteo: «Ero straniero e non mi avete accolto». Diventa un caso il post del sindaco di Livorno Filippo Nogarin, pubblicato su Facebook e poi rimosso, in cui annunciava l'apertura del porto a nave Aquarius: «Resta la mia posizione, non voglio creare problemi al governo».
 

Il caso. Salvini oggi in un tweet ha scritto: «Anche la nave Sea Watch 3, di Ong tedesca e battente bandiera olandese, è al largo delle coste libiche in attesa di effettuare l'ennesimo carico di immigrati, da portare in Italia. L'Italia ha smesso di chinare il capo e di ubbidire, stavolta c'è chi dice no. Chiudiamo i porti».
 


La nave Sea Watch 3 «si trova in questo momento in acque internazionali, non è attualmente coinvolta in operazioni di ricerca e soccorso, non ha persone soccorse a bordo della propria nave», ha però smentito la stessa ong tedesca in un tweet. 

«È necessario, stavolta, che tutti comprendano che il diritto internazionale non può prevedere un'Italia abbandonata a se stessa. Noi salveremo sempre le vite umane, ma Malta è la spia di un'Europa che deve cambiare», scrive su Twitter il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli.

L'appello dell'Onu. In tarda mattinata era arrivato l'imperativo umanitario dell'Onu: «Fateli sbarcare». L'Unhcr, l'agenzia Onu per i rifugiati, fa appello ai «governi coinvolti affinché consentano lo sbarco immediato di centinaia di persone bloccate nel Mediterraneo da sabato a bordo della nave Aquarius. «È un imperativo umanitario, le persone sono in difficoltà, stanno esaurendo le scorte e hanno bisogno rapidamente di aiuto», afferma Vincent Cochetel, inviato speciale dell'Unhcr per il Mediterraneo centrale. «Questioni più ampie come quella su chi è responsabile e competente dovrebbero essere esaminate solo dopo», aggiunge.

 

Ultimo aggiornamento: 22:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Piumino, t-shirt e calzini bassi, ma i ragazzi non hanno freddo?

di Raffaella Troili