Strage in Yemen, attacco allo scuolabus dei bimbi: 43 morti

Un'altra pagina tragica nella guerra in Yemen che dura da oltre tre anni è stata scritta oggi con un bombardamento della Coalizione araba a guida saudita che ha ucciso e ferito decine di bambini. E come al solito divergono le versioni fornite dai protagonisti del conflitto su fronti opposti. Il Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr), che gestisce un ospedale in loco, ha detto appunto che «decine di civili» sono stati uccisi o feriti nel raid, che ha colpito un autobus che trasportava bambini e adulti e stava attraversando un affollato mercato a Dahyan, nella provincia settentrionale di Saada, la roccaforte dei ribelli sciiti Houthi vicini all'Iran. In un tweet, Johannes Bruwer, capo del Cicr in Yemen, ha affermato che la maggior parte delle vittime hanno meno di 10 anni. In precedenza autorità tribali locali avevano parlato di una ventina di morti, mentre il ministero della Salute degli stessi Houthi, che controllano la capitale Sanaa, ha fornito un bilancio di 43 morti e 63 feriti.

Come è consuetudine, la Coalizione a guida saudita, che dal marzo del 2015 è intervenuta contro gli Houti in Yemen a sostegno del governo del presidente internazionalmente riconosciuto Abd Rabbo Mansur Hadi, ha negato di avere preso di mira i civili. Quella di oggi, ha affermato il portavoce dell'alleanza, colonnello Turki al Malki, era «una azione militare legittima» diretta contro miliziani armati, e se sono rimasti uccisi dei bambini è perché gli stessi ribelli se ne fanno scudo «per le loro azioni terroristiche». In particolare, il raid doveva essere una rappresaglia per un missile lanciato dagli stessi Houthi ieri verso la città di Jizan, nel sud dell'Arabia Saudita, che è stato intercettato dai sistemi di difesa, ma i cui frammenti hanno ucciso una persona e ne hanno ferite altre 11. «Il mondo ha davvero bisogno di altri bambini innocenti per fermare la crudele guerra contro i bambini in Yemen?», ha affermato Geert Cappelaere, direttore regionale dell'Unicef per il Medio Oriente e l'Africa, in una prima reazione alle drammatiche notizie provenienti da Dahyan. L'inviato speciale dell'Onu, Martin Griffiths, ha convocato colloqui di pace a Ginevra per il 6 settembre, ma nel frattempo la popolazione civile dello Yemen, che già prima del conflitto era il più povero Paese della Penisola Arabica, continua a soffrire sia per gli effetti diretti della guerra sia per una situazione umanitaria catastrofica.

In un rapporto dell'inverno scorso, Amnesty International affermava di avere accertato almeno 36 raid aerei della Coalizione che sembravano aver violato la legge umanitaria internazionale, ma accusava anche gli Houthi di bombardare indiscriminatamente aree residenziali. Secondo l'Onu, sono quasi 6.000 i civili uccisi nei tre anni e e mezzo di guerra e oltre 9.000 i feriti. Si calcola inoltre che 22 milioni di persone abbiano bisogno di assistenza umanitaria e vi è più di un milione di sospetti casi di colera.
Giovedì 9 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 11-08-2018 19:01

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-08-10 14:02:35
Perché da tutti da pacifisti (no global, Medicins sans frontieres, sinistre varie, centri sociali, Unicef, ONU, Croce Rossa, organizzazioni varie e tutti gli altri) non si sente alcun cenno di protesta per l' uccisione di molti bambini? Quando in Siria veniva colpito un ospedale, curiosamente per i media era sempre un ospedale pediatrico, affollato di piccoli ricoverati e colui che aveva bombardato (secondo la vulgata USA e sinistrorsa) era sempre Addad. Per poi vedere quelle notizie smentite, perché, in realtà, erano i tagliagole di ISIS e di altre formazioni anti governative a compiere quei massacri. In quei casi la grancassa dei Media allineati e il clamore in Europa e negli USA era grandissimo, per poi spegnersi davanti alla realtà dei fatti, cioè che i colpevoli erano i sauditi e i loro alleati appoggiati dagli USA. In questo caso, dove la matrice è certa (si tratta infatti del' Arabia Saudita), tutti i benpensanti dal pensiero unico tacciono. Nessuno parla, protesta. Neppure un sussurro. Come mai? Avete perso la parola? Siete in vacanza? Perché nessuno protesta?
2018-08-10 13:26:35
dunque ,,l'arabia saudita e' sostenuta da Usa e Israele...noi siamo i fedeli poodles USA ..dunque siano pure alleati con l'Arabia Saudita..allora per via transitoria siamo pure respinsabili di questi massacri...Ma mi raccomando...citate solo i terroristi dell'altra parte..i "nostri" sono sempre brava gente
2018-08-10 09:30:43
Ma come mai ovunque esistano musulmani ci stanno guerre e terrorismo? Sarà mica che sono troppo tolleranti e seguono una religione di pace ed amore, e per imporla sono pronti ad uccidere?
2018-08-10 08:41:08
Eh, i nostri amici sauditi, quelli a cui vendiamo le armi....fanno anche queste cose, ma da noi se ne parla sottotraccia, non dobbiamo evidenziarlo troppo, in fondo loro sono quelli buoni, mica quei cattivoni dell'Iran o peggio quei cattivissimi degli israeliani....
2018-08-10 00:13:00
Dove sono i buonisti, le ONG?
5
  • 482
QUICKMAP