Scandalo molestie, il premio Nobel 2018 per la letteratura non verrà assegnato

Quest'anno il Premio Nobel per la Letteratura non verrà assegnato. L'annuncio è arrivato oggi dall'Accademia svedese dopo la bufera per le presunte molestie sessuali che ha coinvolto il marito di una giurata e le voci di un'inchiesta che ha visto coinvolta l'istituzione.

LEGGI ANCHE: Il Nobel Arnault molestò la principessa di Svezia


Ad aprire la crisi sono stati dunque lo scandalo per le presunte molestie e le voci di un'inchiesta su fughe di notizie sui nomi dei vincitori negli ultimi anni. La polizia tributaria aveva aperto, infatti, un'indagine per gravi irregolarità finanziarie e allo stesso tempo si era dimesso un altro accademico, la scrittrice Sara Stridsberg, che era stata eletta nel 2016, portando così a 6 i membri (su 18) che si sono dimessi nell'ultimo mese. A far sprofondare nello scandalo l'istituzione, fondata da re Gustavo III nel 1786 e che ogni anno assegna il Premio Nobel per la Letteratura, era stata la notizia, trapelata sulla stampa svedese, secondo cui l'autorità svedese per la lotta alla corruzione e alla criminalità economica aveva aperto un'inchiesta per i fondi che sarebbero stati versati in maniera irregolare alla Forum, una società che organizza eventi culturali, diretta dal regista e fotografo franco-svedese Jean-Claude Arnault, marito della poetessa svedese Katarina Frostenson, che dal 1992 è membro dell'Accademia, accusato di molestie sessuali da 18 donne nel novembre scorso. Quindi l'Accademia Svedese aveva aperto una discussione per decidere se annullare il conferimento del Nobel per quest'anno (il nome del vincitore è tradizionalmente annunciato il primo giovedì del mese di ottobre durante la cosiddetta settimana dei Nobel).

L'Accademia Svedese è scossa dallo scorso autunno quando 18 donne hanno accusato di aggressione e molestie sessuali Arnault. La crisi è precipitata a marzo, dopo che la maggioranza dei membri dell'Accademia Svedese aveva votato contro la rimozione di Frostenson, sospettata di reticenza e connivenza con le responsabilità del marito. Tre membri, Klas Ostergren, Kjell Espmark e Peter Englund, si sono dimessi subito per protesta. Si è poi dimessa anche Sara Danius, segretaria permanente dell'Accademia. E infine ha lasciato anche Frostenson. Quindi sono arrivate anche le dimissioni Sara Stridsberg. In base al regolamento, i membri dell'Accademia Svedese non possono dimettersi perchè la carica è a vita; possono tuttavia non partecipare più alle sue attività. Anche prima dello scandalo, due seggi erano occupati da membri inattivi. La scorsa settimana il re Carlo XVI Gustavo ha annunciato che è imminente la riforma delle regole dell'Accademia Svedese per consentire ai membri di dimettersi ed essere sostituiti.
Venerdì 4 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 05-05-2018 08:35

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-05-04 11:54:07
Fanno bene. Rimane più impressa una casella vuota di una rimpiazzata.
2018-05-04 11:41:10
La società occidentale vive quotidianamente un conflitto nel quale l'uomo deve continuamente resistere alle provocazioni femminili dimostrando di poter soffocare gli istinti più primordiali e forti legati alla riproduzione (senza valutare la frustrazione che ciò determina). Nello stesso tempo la donna deve poter essere libera di esternare i propri istinti di attrarre potenziali fecondatori, mettendo in bella mostra genitali che vengono esaltati da interventi chirurgici, ore di palestra, vestiti costosissimi, profumi inebrianti, andature dinoccolate, abbronzature integrali...... il tutto con lo scopo di provocare l'attenzione e stimolare l'istinto sessuale in chiunque la veda, bambini e vecchi compresi. Quando l'uomo dimostra di essere immune a tale provocazione, la provocazione aumenta scoprendo una parte in più o mettendo in vista biancheria intima o altro....... e via cosi. Un gioco perverso, dove andrà a finire?
2018-05-04 11:20:46
Dal presidente Americano ai premi nobel. Dalla religione al cinema. Anche le porno star accusano di essere state molestate durante le riprese(???) Il manto delle molestie sembra stia avvolgendo tutto e tutti in una modalità che ha molto in comune con la propaganda delle ideologie favorevoli agli omosessuali e che mirano a ricevere privilegi grazie alla presunta prevaricazione che alcuni di essi avrebbero constatato. Un metodo di propaganda utilizzato anche da chi con la scusa dell'antisemitismo sottomette altri popoli e nazioni...... Un po come la storia delle rivoluzioni colorate che ogni tanto scoppiano nei paesi i cui governi non sono sottomessi allo sceriffo del mondo...... che pensare? dove andremo a finire? Si finirà che prima di prendere l'ascensore si verificherà che all'interno non vi siano donne (tanto il video non conterebbe come a pamplona) gli autobus saranno separati per uomini e donne (come in giappone) in ufficio si dovrà lavorare a gruppi dello stesso sesso, le calciatrici dovranno essere pagate come i colleghi della serie A nonostante nessuno veda le loro partite..... insomma un bel mondo quasi quanto quello musulmano
2018-05-04 10:08:22
vista la qualità delle scelte che abitualmente fanno, è meglio che non sia assegnato, per il decoro dell'istituzione
2018-05-04 11:33:51
D'accordo, ma anche il non assegnarlo segue le stesse linee delle assegnazioni e mira ad evidenziare un fenomeno che in realtà non esiste
QUICKMAP