Londra, si rifiuta di vendere le cartine a tre minorenni: tabaccaio picchiato e ucciso

Giovedì 12 Luglio 2018 di Enrico Chillè
7
Rifiuta di vendere le cartine a tre minorenni, tabaccaio picchiato e ucciso
Si è rifiutato di vendere delle cartine da tabacco a tre adolescenti, tutti minorenni, e di tutta risposta prima ha subito danneggiamenti al suo locale e poi è stato aggredito e massacrato. Un tabaccaio di 49 anni, brutalmente picchiato da un ragazzo di 16 anni il 6 gennaio scorso, è morto due giorni dopo per la gravità delle ferite riportate alla testa.

LEGGI ANCHE Messico, almeno 9 neonati morti: giallo in ospedale. «Colpa di un batterio»



L'agghiacciante vicenda è avvenuta a Londra, nella zona di Mill Hill. Vijaykumar Patel, tabaccaio sposato e con due figli, aveva chiesto ai tre ragazzi di esibire un documento che dimostrasse la loro maggiore età. Nessuno dei tre, però, aveva mostrato alcun documento d'identità e, dopo il rifiuto dell'uomo, il gruppetto aveva iniziato a devastare il locale. Vijaykumar, allora, aveva cercato di cacciare dal negozio i tre adolescenti, ma uno di loro, all'esterno del locale, lo ha iniziato a colpire con una violenta raffica di calci e pugni, lasciandolo privo di sensi a terra e con lesioni cerebrali che poi si sono rivelate fatali.



A riportare l'accaduto è Metro.co.uk. Il 16enne responsabile del brutale pestaggio è stato processato e a settembre sarà emessa la sentenza di condanna. La polizia di Londra ha chiesto il massimo della pena: «Deve essere esemplare, c'è una moglie e due figli piccoli che piangono il marito e il padre solo perché aveva cercato di rispettare la legge, che è volta a proteggere tutti noi». Ultimo aggiornamento: 13 Luglio, 16:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Mattia 15 anni e un sogno Diventare arbitro di calcio

di Mimmo Ferretti