Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Finge di essere in coma per evitare il processo: smascherato da una telecamera del supermercato

Finge di essere in coma per evitare il processo: smascherato da una telecamera del supermercato
di Costanza Ignazzi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Ottobre 2014, 18:50 - Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre, 22:07
Per due anni ha fatto finta di essere in stato vegetativo, paralizzato e con numerosi episodi di coma.

Ma in realtà Alan Knight, 47 anni, di Swansea, nel Galles del Sud, è solo un grande attore: ha infatti simulato gravi problemi di salute in modo da evitare il processo per aver truffato un suo anziano vicino, al quale aveva sottratto 40mila sterline. Knight è addirittura arrivato ad ingannare i giudici, presentandosi in tribunale sulla sedia a rotelle, accompagnato dalla moglie.



L'uomo aveva infatti coinvolto nella farsa tutta la propria famiglia: sua moglie Helen, di 33 anni, faceva finta di doverlo accudire sostenendo che fosse paralizzato dal collo in giù e che di tanto in tanto entrasse in stato comatoso.



Intanto, Knight viveva di quanto guadagnato a spese di Ivor Richard, pensionato e suo vicino di casa: con i soldi frutto della truffa si pagava viaggi e vacanze.



A smascherarlo ci ha pensato la telecamera interna del supermercato Tesco, dove l'uomo e la moglie facevano la spesa. La polizia ha tracciato gli acquisti della carta fedeltà familiare e non ci ha messo molto a smascherare il creativo truffatore. Una messa in scena articolata come poche, secondo gli inquirenti: ora però Knight dovrà rispondere in Tribunale anche di questo.





© RIPRODUZIONE RISERVATA