Radio Radicale, Crimi: «La convenzione non sarà rinnovata»

Lunedì 15 Aprile 2019
Radio Radicale, Crimi: «La convenzione non sarà rinnovata»

Radio Radicale, Vito Crimi: «La convenzione non sarà rinnovata. Ha svolto da 25 anni un servizio senza alcun tipo di gara». «La posizione è molto chiara: l'intenzione del Governo, mia e del Mise è di non rinnovare la convenzione con Radio Radicale». Lo ha detto il sottosegretario all'Editoria Vito Crimi interpellato al suo arrivo a un convegno sull'informazione locale in Lombardia. «Nessuno ce l'ha con Radio Radicale o vuole la sua chiusura» ma «sta nella libertà del Governo farlo» ha detto Crimi, affermando che l'emittente «ha svolto da 25 anni un servizio senza alcun tipo di gara e valutazione dell'effettivo valore di quel servizio».

Il Papa incoraggia i Radicali a continuare la battaglia contro il sovraffollamento carcerario

Dalle consulenze al Mise ai contributi Rai: ecco le misure dell'ultimo minuto
 


Il sottosegretario all'Editoria Vito Crimi ha sottolineato che negli anni a Radio Radicale «la convenzione è stata rinnovata come una concessione». Ora, ha concluso il sottosegretario, «la valutazione è stata fatta: esiste Rai Parlamento, un servizio pubblico, un canale istituzionale che trasmette le sedute parlamentari e delle commissioni».

Ultimo aggiornamento: 11:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma