Green pass obbligatorio in ristoranti, bar, cinema: ecco dove serve da oggi. E da settembre anche per scuola e trasporti

Green pass, cosa cambia da oggi: ristoranti, bar, cinema e musei. E dal 1 settembre obbligatorio su trasporti (fra Regioni diverse)
di Alessio Esposito
5 Minuti di Lettura
Venerdì 6 Agosto 2021, 09:03 - Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 14:49

Green pass obbligatorio da oggi, 6 agostoper ristoranti, piscine, palestre, cinema, stadi e teatri. E con il nuovo decreto l'obbligo scatta anche per scuola, università e trasporti a lunga percorrenza (dal 1° settembre). La certificazione verde è ora necessaria per mangiare al ristorante al chiuso, ma anche per frequentare palestre, cinema e teatri. Per ottenere il Green pass bisogna attestare l'avvenuta vaccinazione, oppure la negatività al Covid (tramite tampone) o la guarigione dalla malattia.

Green pass nei ristoranti e in palestra, ma i controlli sono un caso: domande e risposte

A partire da oggi il Green pass servirà per accedere a qualsiasi tipo di servizio di ristorazione al tavolo al chiuso, spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura, piscine, palestre, centri benessere, fiere, sagre, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali e ricreativi, sale da gioco e casinò, concorsi pubblici. Una misura annunciata da tempo, a cui però ora vanno a sommarsi i nuovi provvedimenti dell'ultimo decreto approvato in Consiglio dei ministri.

Green pass, le novità del decreto

Scuola e università

Le novità principali del dl approvato ieri riguardano la scuola e l'università, con l'obbligo della certificazione che varrà anche per gli studenti universitari. Prof e personale non docente dovranno avere ed esibire la certificazione e se non lo faranno scatteranno le sanzioni: il mancato rispetto delle disposizioni, dice la bozza del decreto, «è considerata assenza ingiustificata» e dopo 5 giorni il rapporto di lavoro «è sospeso e non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento». I controlli spetteranno ai dirigenti scolastici. Sempre per quanto riguarda la scuola, il decreto raccomanda il rispetto del distanziamento di un metro, «salvo che le condizioni strutturali-logistiche degli edifici lo consentano» e ribadisce l'obbligo di mascherina per tutti gli studenti, ad eccezione dei bambini sotto i 6 anni e per chi ha patologie incompatibili con l'utilizzo.

Green Pass obbligatorio per i prof, i presidi: «Misura giusta, bisogna evitare la dad». Sindacati pronti ai ricorsi

Il governo non esclude però che si possa stare in classe senza mascherina: per le classi di studenti «che abbiano tutti completato il ciclo vaccinale o abbiano un certificato di guarigione», i protocolli possono prevedere delle deroghe all'obbligo. Il decreto è invece molto restrittivo sulla possibilità di derogare alla presenza in classe degli studenti. I governatori potranno disporre la Dad solo per «specifiche aree del territorio o per singoli istituti...esclusivamente in zona rossa o arancione» e «in circostanze di eccezionale e straordinaria necessità dovuta all'insorgenza di focolai o al rischio estremamente elevato di diffusione del virus o di sue varianti nella popolazione scolastica».

Green pass, a casa senza stipendio i professori che lo rifiutano. Università e trasporti, tutti gli scenari

Trasporti a lunga percorrenza

L'altro punto centrale del decreto è l'obbligo del green pass per i trasporti a lunga percorrenza, che scatta dal 1° settembre. Dovrà essere esibito per salire sugli aerei, sulle navi e sui traghetti, sui treni ad Alta velocità e sugli Intercity e anche sugli autobus di linea che collegano regioni diverse o quelli a noleggio con conducente. Ad effettuare i controlli saranno i gestori dei servizi e chi sarà trovato senza il pass avrà una sanzione da 400 a mille euro. Nessun obbligo, invece, per i collegamenti con le isole minori e per lo Stretto di Messina, per bus e metropolitane del trasporto pubblico locale e per bus e treni regionali. Sia per la lunga percorrenza sia per il trasporto pubblico locale la capienza salirà dal 50 all'80%, sia in zona bianca che in zona gialla.

Tamponi a prezzi calmierati

Sempre nell'ottica di favorire il rientro a scuola, il Commissario per l'Emergenza Francesco Figliulo ha siglato il protocollo d'intesa con le farmacie per i tamponi antigenici a prezzi calmierati: i giovani da 12 a 18 anni pagheranno 8 euro, gli over 18 invece 15. Nelle prenotazioni le farmacie dovranno dare la precedenza ai ragazzi e avranno una remunerazione complessiva di 15 euro, 7 dei quali saranno coperti con un contributo dello Stato.

Alberghi

Nel decreto non c'è una norma specifica ma il Cdm ha confermato quanto già previsto: i clienti che vogliono accedere ai ristoranti e ai bar al chiuso all'interno delle strutture non dovranno utilizzare il green pass. Per i centri benessere degli alberghi, invece, il pass servirà come stabilito dal decreto di luglio.

Quarantena vaccinati e Reithera

La cabina di regia tra i capigruppo di maggioranza ha anche dato il via libera ad altri due provvedimenti. Il primo riguarda la quarantena per chi ha completato il ciclo vaccinale ed entra in contatto con un positivo al Covid: dovrà rimanere in isolamento non più 10 giorni ma sette, al termine dei quali dovrà fare un tampone. Un'ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza definisce invece la procedura per chi fatto la sperimentazione con il vaccino di Reithera e ha avuto una o due dosi di quel farmaco: ci sarà un certificato di esenzione temporanea alla vaccinazione valida fino al 30 settembre. A rilasciare il certificato sarà il medico responsabile del centro dove è stata fatta la somministrazione.

San Marino

Un'esenzione è prevista dal decreto anche per i cittadini residenti a San Marino, dove la maggior parte della popolazione è vaccinata con Sputnik, il farmaco russo non riconosciuto dall'Ema. Per loro è prevista l'esenzione fino al 15 settembre.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA