BEPPE GRILLO

Governo, Giuseppe Conte chiede aiuto a Mattarella. L'assist di Beppe Grillo: «Basta liti»

Domenica 1 Settembre 2019 di Barbara Jerkov
7
Governo, Gisueppe Conte chiede aiuto al Colle. L'assist di Grillo: «Basta liti»

Prima il colloquio con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, poi il vertice di tre ore con le delegazioni M5S e Pd: con due mosse il premier incaricato Giuseppe Conte comincia a sciogliere i primi nodi del governo giallo-rosso imprimendo un’accelerazione che nella strategia del Professore è ormai decisiva per ultimare l’intesa. Gli ultimi due giorni, infatti, avevano visto Pd e M5S insabbiarsi in uno stallo molto pericoloso, con un nodo che peraltro resta ancora irrisolto: il ruolo di Luigi Di Maio nel futuro governo. Sarà Conte, in prima persona, a occuparsi della questione del vicepremierato per il leader M5S, stretto tra le condizioni imposte dal Pd - per Zingaretti la questione è «di vita o di morte» sebbene altre ali dem siano più aperturiste - e la necessità di dare il giusto peso alla forza che lo ha portato a Palazzo Chigi.

Di Maio vice è possibile: ma perderebbe Lavoro e Sviluppo
 


Governo, Grillo furioso: basta scalette e poltrone, sono esausto

A dare una spinta inattesa alla trattativa interviene con un video Beppe Grillo. «Questa pena che vedo, questa mancanza di ironia, dovete sedervi a un tavolo e essere euforici perché appartenete a questo momento straordinario di cambiamento», detta il fondatore, lanciando un’evidente stoccata al suo (ex) pupillo Di Maio: «Abbiamo da progettare il mondo, invece ci abbruttiamo, e le scalette e il posto lo do a chi e i dieci punti, i venti punti, basta!». Poi l’appello al Pd, «alla base dei ragazzi del Pd: è il vostro momento questo, abbiamo un’occasione unica, Dio mio, unica. E allora cerchiamo di ricompattare i pensieri, di sognare un attimo a dieci anni con la visione. Abbiamo un’offerta di tecnologia immensa, dobbiamo decidere che tipo di società vogliamo». Intanto la richiesta d’aiuto lanciata dal premier incaricato al Colle una prima conseguenza l’ha avuta: la trattativa sul programma decolla. Nel lungo vertice a Palazzo Chigi con Conte, Pd e M5S hanno cominciato a sciogliere il grumo che da un giorno stava bloccando il dialogo. E che aveva portato il premier incaricato a ventilare addirittura la possibilità di rinunciare al mandato. Il quadro si è chiarito anche grazie all’incontro al Quirinale che ha aperto una giornata tutto sommata fruttuosa. In un’ora e più di faccia a faccia, Conte ha confidato a Mattarella tutte le preoccupazioni per le liti fra i promessi alleati. Gli ostacoli restano infatti tanti e si concentrano sempre più sulla composizione della squadra di governo. A far salire la tensione erano stati i venti punti messi sul piatto da Luigi Di Maio, con tanto di richiamo alle elezioni nel caso in cui non fossero stati accolti e la reazione del Pd, che aveva definito l’uscita del leader M5S un «inaccettabile ultimatum».

Governo Conte, un percorso tracciato dal quale Di Maio e Zingaretti non riusciranno a sfilarsi

Conte al Quirinale poi vede M5S-Dem. Pd: passi avanti, presto la squadra. Percorso a ostacoli, si tenta sintesi

IL TIRO ALLA FUNE D’altronde, la disputa è fra partiti che devono far digerire al proprio elettorato un’alleanza imprevista fino a poco fa. Come nel tiro alla fune, ognuno deve portare l’altro dalla propria parte. In più, i Cinque Stelle guardano non senza ansia al risultato senza appello che uscirà dalla consultazione su Rousseau prevista per martedì. Sui programmi le posizioni si stanno avvicinando. Al vertice di Palazzo Chigi con il premier hanno partecipato i capigruppo alla Camera e Senato del Pd, Graziano Delrio e Andrea Marcucci, e dei Cinque Stelle, Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli. Zingaretti ha incontrato i suoi al Nazareno, Di Maio ha riunito lo stato maggiore in una casa in centro a Roma. Ufficialmente la nave va. Ma ancora manca l’incontro tra i leader. Sia il M5S sia il Pd hanno fatto sapere che nell’incontro con Conte sono stati fatti passi avanti. Ma il vero terreno di confronto sarà chi mettere dove: quanti ministri Cinque Stelle, quanti dem. Protesta Leu, che si sente snobbata: «Le interlocuzioni sul programma sono esclusivamente tra Pd e M5S - ha scritto Pietro Grasso - evidentemente l’intenzione è fare da soli, sia al governo che in Senato. Auguri». Il premier promette che li incontrerà al più presto: non è proprio il caso di aprire nuovi fronti.

Ultimo aggiornamento: 12:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma