BEPPE GRILLO

Governo, al vertice M5S il diktat Di Maio: io vicepremier o perdo il Movimento

Domenica 1 Settembre 2019 di Simone Canettieri
3
Governo, al vertice M5S il diktat Di Maio: io vicepremier o perdo il Movimento

Il vertice lampo viene convocato a casa del sottosegretario Vito Crimi, in pieno centro storico, dietro la Camera, nel primo pomeriggio. Ai capigruppo Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli tocca l’ingrato compito di riferire a Luigi Di Maio, «l’ira del premier Conte» per l’atteggiamento tenuto dal capo politico del M5S dopo le consultazioni di venerdì. Di Maio è atteso al summit, ma Paola Taverna, vicepresidente del Senato, non lo aspetta. Nel frattempo si è messo a piovere e la pasionaria se ne va per le vie del centro, riparata da un ombrello ministeriale color blu: «Esco un attimo, tanto torno». Ma non la farà.

Governo, Giuseppe Conte chiede aiuto a Mattarella. L'assist di Beppe Grillo: «Basta liti»

LE DISCUSSIONI
Nel salotto di casa Crimi ci sono anche Riccardo Fraccaro, ministro per le Riforme, e Nicola Morra, presidente della commissione Antimafia. Di Maio, in camicia blu e con gli auricolari del cellulare ben ficcati alle orecchie, è scuro in volto. Scende dall’auto blu tesissimo e si infila nel portone. Dentro, in un momento si sfogo, ripeterà un concetto semplice: «Non posso non fare il vicepremier, non è un mio capriccio personale, ma una questione politica». In poche parole, dice il giovane leader pentastellato, se gli dovesse toccare un ministero “qualsiasi”, magari anche di peso, «perderei la guida del Movimento». Facile immaginare ad appannaggio di chi: di Giuseppe Conte.

Governo Conte, un percorso tracciato dal quale Di Maio e Zingaretti non riusciranno a sfilarsi

GLI ATTACCHI
Sono ore complicate per «Luigi». Ci si mettono pure i sentimenti. L’Agenzia Adnkronos scova Giovanna Melodia, l’ex fidanzata del vicepremier, conosciuta ai tempi delle regionali in Sicilia: «No, non parteciperò alla prossima votazione online su Rousseau: andava fatta prima di sedersi al tavolo con il Pd. Ieri era già troppo tardi!». Ora, la situazione è grave e forse pure seria. Il voto sulla piattaforma di Davide Casaleggio è atteso per martedì. E gira molta tensione su questo passaggio che dovrebbe sciogliere (politicamente) le riserve del Conte prima di salire al Colle con la lista dei ministri: «Ai nostri non piace il Pd, sarà davvero imprevedibile», dicono i partecipanti al conclave. Non aiuta, se è per questo, nemmeno l’uscita mattutina di Alessandro Di Battista. Il sub-comandante di Roma Nord di prima mattina batte un colpo con un post su Facebook. Tanti deputati grillini appena lo leggono, commentano con sarcasmo: «C’è Dibba, c’è Dibba: è il nostro influencer». Al di là delle battute, l’ex parlamentare torna a bombardare sull’accordo con il Pd e con la scusa di difendere l’uscita del fratello (ex?) Di Maio scrive: «Il paradosso del Pd è che chiama ultimatum le idee del M5S». «Oltretutto - continua - nei 20 punti presentati ieri ci sono quelle riforme che il Pd e i suoi derivati hanno promesso per 20 anni senza mai realizzarle preferendo cedere agli ultimatum (quelli veri) di Berlusconi». Il Pd, continua Dibba, «si dovrebbe preoccupare degli ultimatum che gli hanno dato ripetutamente milioni di elettori o ex-elettori».

Governo, strappo di Di Maio ma Conte va avanti. La minaccia del voto su Rousseau prima dei ministri

IL VIDEO Al vertice a casa di Crimi gira che siano “collegati” conference call anche il ministro Alfonso Bonafede e Di Battista. Si discute, tra le altre cose, proprio di Rousseau. Il quesito sarà il più «neutro» possibile. Ad accompagnarlo un post del M5S, e forse di Di Maio in persona. Non è stato ancora deciso: la forma sarà materia di Davide Casaleggio e Pietro Dettori. La cosa importante è che nella domanda posta agli iscritti della piattaforma ci sarà «la parola Pd». Al contrario della mail di “avviso” inviata l’altra sera nella quale si parlava solo di nuova maggioranza. Ma sulla notte di Di Maio cala ancora una volta la scure di Beppe Grillo. Il Garante del M5S con un video di sei minuti sul suo blog dice di essere alla pattuglia M5S di essere «euforica» e di «mettersi seduta intorno a un tavolo per programmare il futuro del Paese». Non solo Grillo, con un endorsement pesantissimo in vista del voto su Rousseau, si rivolge addirittura «ai ragazzi del Pd: è un’occasione unica, è il vostro momento». Le parole di Grillo pesano come macigni nella crisi della leadership grillina e vanno di nuovo incontro a Conte: «Voglio euforia e voi parlate di poltrone. Sono esausto». Probabilmente anche di «Luigi», diventato ormai da giorni il suo bersaglio preferito. Grillo ha un altro progetto in mente: trasformare il Movimento in una forza progressista, da saldare in futuro con il Pd. Un progetto lungimirante, una mutazione genetica - «contro i nuovi barbari» - che rischia di travolgere Di Maio.

Ultimo aggiornamento: 13:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma