Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Renzi: «Calenda? Amicizia non basta, vanno condivise idee. Italia Viva correrà da solo»

«Il nostro obiettivo è chiaro: noi non vogliamo portare Meloni o Salvini a Palazzo Chigi ma riportarci Draghi»

Renzi: «Calenda? Amicizia non basta, vanno condivise idee. Italia Viva correrà da solo»
3 Minuti di Lettura
Martedì 26 Luglio 2022, 14:30 - Ultimo aggiornamento: 19:33

Italia viva correrà da solo alle elezioni? «Al momento assolutamente sì», è stata la risposta del leader di Iv Matteo Renzi, intervistato dal Tg5. Perché cambi la decisione, ha spiegato, serve «che qualcuno accetti le nostre idee: se non le accettano, noi abbiamo coraggio, libertà e fantasia per andare da soli. Quando abbiamo mandato a casa Conte e portato Draghi, tutti dicevano che era impossibile. Lo abbiamo fatto. Lo rifaremo».

Letta: «Scelta tra noi o Meloni, non ci saranno pareggi. Pronto a fare front runner»

«Due mesi e tutto sarà finito. Due mesi in cui l'Italia si gioca moltissimo. Il nostro obiettivo è chiaro: noi non vogliamo portare Meloni o Salvini a Palazzo Chigi ma riportarci Draghi. E poi fare finalmente la riforma costituzionale del Sindaco d'Italia», aveva scritto Renzi nella sua E news. «Nel frattempo, dovremo affrontare molti problemi: inflazione, crisi energetica, le conseguenze della guerra sul cibo e sulla migrazione, gli effetti del clima impazzito e la necessità di una svolta ambientale, una giustizia che spesso rischia di diventare ingiusta».

«Questa campagna elettorale - aveva osservato Renzi - sarà molto difficile. Ma sarà anche breve e dovrà essere ispirata a due parole: coraggio e libertà. Il coraggio di dire le cose come stanno. Senza incertezze, mediazioni, compromessi: diremo la verità su questi anni e sui prossimi che verranno. Siamo gli unici che volevano Draghi e che hanno combattuto contro tutti per averlo, mentre altri dicevano "Conte o morte". E oggi ci permetteremo il lusso di una campagna elettorale di verità. La libertà di rischiare, la libertà di sognare, la libertà di provarci».

L'incontro con Calenda

L'incontro con il leader di Azione Carlo Calenda è andato «bene, come sempre. Un incontro tra amici, ma l'amicizia non è sufficiente, bisogna vedere se condividiamo le idee», ha detto il leader di IV. «È un passaggio molto importante, le alleanze non si fanno sulla base dell'alchimia o del gioco delle coppie - ha aggiunto -, si fanno mettendo al centro le scelte per i cittadini. Io, ad esempio, voglio dare più soldi per la sanità, con il Mes per la sanità. Voglio valorizzare le riforme fiscali come l'assegno unico per i figli. Se su queste cose siamo d'accordo, allora si può andare insieme alle elezioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA