Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Aborto Usa, Bonino: «Si torna indietro di 50 anni, non è l’America che conosco. Ma in Italia la legge va difesa»

La storia leader dei radicali: "Purtroppo questa impostazione è già diffusa anche in Europa"

Aborto Usa, Bonino: «Si torna indietro di 50 anni, non è l’America che conosco. Ma in Italia la legge va difesa»
di Mario Ajello
5 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 06:28 - Ultimo aggiornamento: 12:14

Emma Bonino si fa mandare dall’America i documenti della storica sentenza della Corte Suprema. «La notizia mi ha sconvolto, ma voglio capire bene di che cosa si tratta perché sembra davvero incredibile». Arrivano sulla sua mail i testi del pronunciamento dei giudici e a quel punto la storica leader dei Radicali - mentre guarda in tivvù le prime manifestazioni di protesta delle donne e dei movimenti abortisti - traccia il bilancio di questa «brutta storia». 

Aborto Usa, la sentenza che appanna l'immagine a stelle e strisce


Onorevole Bonino, si aspettava questa decisione? 
«Non mi aspettavo il punteggio. Il 6 a 3, nel collegio dei giudici, è un risultato molto largo e per niente buono. Da mesi le associazioni abortiste erano molto agitate, evidentemente a ragione. Negli Stati Uniti l’aborto era un diritto federale. Questa sentenza demanda invece la questione ai vari Stati membri. Che è un po’ la situazione che c’è in Europa. Dove ogni Paese Ue decide per sé sull’aborto. Per esempio la Polonia ha fatto una legge ultra-restrittiva».


Si azzera con la sentenza americana uno dei punti, che parevano fermi, ottenuti dalle lotte delle donne? 
«Siamo certamente a un passo indietro nella protezione dell’aborto. Questo dimostra che i diritti non stabiliti una volta per sempre, non sono scritti nel marmo. Se non li difendi, non li curi, non li proteggi continuamente, ti svegli una mattina e non ci sono più. C’è un reportage molto bello del New York Times che spiega a questo punto che cosa potrà fare Biden per contrastare questa sentenza». 


E che cosa può fare il presidente americano? 
«Dal punto di vista legale, niente. È come da noi: così come la nostra Corte Costituzionale anche la Corte Suprema di Washington è il decisore di ultima istanza. Questo reportage però suggerisce a Biden vari accorgimenti per proteggere il diritto federale all’aborto. Il presidente può promuovere politiche che possono aiutare a superare il divieto. Per esempio quelle in favore dell’aborto farmacologico, con la pillola autorizzata dalla Food and Drug Administration. Ma non so davvero che cosa potrà fare l’amministrazione Biden e temo, sostanzialmente, non molto». 


Il presidente ha l’occasione di mettersi alla testa di una nuova stagione di difesa e di estensione dei diritti. 

«Io mi chiedo: ne avrà la forza? Comunque ci sono alcuni Stati che seguiranno la sentenza della Corte Suprema, e già il Missouri e il Texas si sono attivati, e altri che si comporteranno diversamente. Per esempio lo Stato di New York. O il Colorado: si sta attrezzando per accogliere le donne che potranno permettersi di passare il confine per abortire. Almeno nel campo dei diritti, è una grande delusione per me questa America che io sono spesso stata abituata a considerare all’avanguardia su certe battaglie. Evidentemente non è più l’America che ho in mente io. Il diritto all’aborto negli Stati Uniti non è in Costituzione ma è stato sancito da una storica sentenza 50 anni fa». 


Si riferisce alla Roe vs Wade per cui interrompere la gravidanza è diventato legale nel 1973?
«Sì. Fu quando la Corte Suprema riconobbe il diritto all’aborto alla texana Norma McCorvey. E un gruppo di avvocate, guidato da Sarah Weddington, contattò la donna, incinta del terzo figlio avuto con il marito violento e con problemi di alcolismo. Si trattò di una esemplare pagina di libertà. Ora sono preoccupata. Si intensificherà negli Stati Uniti un fenomeno che noi conosciamo benissimo. Ed è quello del turismo sanitario. Come sempre, i ricchi viaggiano e i poveri emigrano. Questo toccherà a un numero di donne sempre maggiore. Tra tutti i difetti della sentenza della Corte Suprema c’è anche quello che è classista. Anche prima in America l’aborto non era gratuito. Il bilancio federale si rifiutava di sovvenzionarlo. Ma adesso sarà tutto più complicato, penalizzante e dispendioso». 


Questo è un colpo di coda o un nuovo inizio del trumpismo? 
«I giudici che si sono espressi contro l’aborto sono stati nominati da Trump. Questa comunque è una sentenza figlia di varie ideologie: alcune religiose, altre identitarie, altre di tipo culturale. Un mix di visioni oscurantiste e reazionarie che tolgono alle donne la libertà di scelta». 


Quali conseguenze può avere la sentenza di Washington sull’Europa e in Italia? 
«In Europa, penso alla Polonia ma anche all’Ungheria, questo tipo di impostazione purtroppo è già diffusa. Ma anche in Italia da tempo riscontro un rigurgito di posizioni contrarie ai diritti e alle libertà. Si pensi alla portata oscurantista della legge Pillon che, per fortuna, è stata stoppata. Il movimento per la vita, così si chiama, rappresenta un filone che, messo alla prova, per esempio nei referendum, ha sempre perso. Però è sempre esistito e continua a prosperare. E come può immaginare, non mi è piaciuto il video della Meloni al congresso di Vox in Spagna. È importante però che in Italia sia in corso la campagna, da parte dell’Associazione Coscioni e di altri movimenti, per difendere la legge 194 sull’aborto. In certe parti d’Italia questa legge fondamentale non esiste più a causa dell’obiezione di coscienza. Più o meno il 90 per cento dei medici, in alcune zone del nostro Paese, si rifiutano di applicare il diritto a interrompere la gravidanza». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA