Suicidio Losito, la Corte restituisce i 5 milioni al produttore tv Tarallo: non ha falsificato la firma del testamento

L'accusa (caduta) del Pm era di aver falsificato la firma sul testamento del compagno morto per avere l'eredità

Suicidio Losito, la Corte restituisce i 5 milioni al produttore tv Tarallo: non ha falsificato la firma del testamento
di Erika Chilelli
3 Minuti di Lettura
Sabato 17 Settembre 2022, 07:31 - Ultimo aggiornamento: 10:44

Confermato dalla Cassazione il dissequestro dei beni del produttore televisivo Alberto Tarallo. I giudici hanno dichiarato inammissibile il ricorso presentato dal pubblico ministero Carlo Villani, confermando la decisione espressa dal Tribunale del Riesame di Roma che lo scorso marzo aveva annullato il sequestro da 5 milioni di euro eseguito a gennaio dalla Guardia di Finanza nei confronti del produttore televisivo, dopo aver indagato sulla morte misteriosa del suo compagno Teodosio Losito. Tarallo, patron di Ares, era stato accusato di aver messo a punto un piano per impadronirsi dei beni dell'ex compagno, Losito, suicidatosi l'8 gennaio del 2019. Il suo testamento, infatti, era stato cambiato pochi mesi prima della sua morte. Da allora i dubbi sull'erede universale, Alberto Tarallo, sono cresciuti nel giro di poche settimane fino ad arrivare all'apertura delle indagini da parte della Procura che voleva vederci chiaro sulle circostanze delle modifiche testamentarie. L'accusa mossa dal pm Villani al produttore televisivo erano di aver contraffatto la firma del suo compagno e di averlo istigato a togliersi la vita. In realtà, il nuovo documento non presentava modifiche rispetto al precedente redatto nel 2017 davanti al notaio Claudio Cerini. Anche allora Losito aveva nominato il suo compagno erede universale. Non ci sarebbe stata, dunque, alcuna necessità di falsificare gli atti.

UN AMORE PURO
Come emerso nel corso delle indagini, anche attraverso le ispezioni delle chat tra l'amica intima Ursula Andress e Stefania Graziosi, «erano una coppia bellissima, si amavano e Tarallo ha sempre cercato di aiutare Losito che soffriva per non aver avuto il suo stesso successo nel lavoro». Contrastanti, invece le dichiarazioni di un altro amico della coppia, l'attore Gabriel Garko, sentito dal pm: «Tarallo voleva mantenere il controllo su tutti, Losito nell'ultimo periodo aveva anche manifestato la volontà di andare via da solo». Nonostante le accuse mosse al patron di Ares, il Tribunale del riesame non aveva trovato abbastanza validi gli elementi di prova a suo carico, ritenendo poco esaustive anche le relazioni della consulente del pm. Da qui, la decisione di dissequestrare i beni, confermata dalla Corte di Cassazione, con grande soddisfazione dei legali di Tarallo: «È una decisione giusta - ha commentato l'avvocato Daria Pesce, che lo difende insieme al legale Franco Coppi - la falsità del testamento, così come contestata dalla Procura, è insussistente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA