CORONAVIRUS

Domenica In, Fiorello: «Ecco il mio segreto per fare la spesa senza fare troppa fila»

Domenica 22 Marzo 2020
Coronavirus, Fiorello a Domenica In: «Ecco il mio segreto per fare la spesa senza fare troppa fila»

Domenica In torna in onda, ma senza ospiti in studio per l'emergenza coronavirus. Mara Venier, infatti, si è collegata su Skype con vari personaggi dello spettacolo e il primo di oggi è stato Rosario Fiorello, che ha rivelato: «Resto in casa ma non mi annoio mai, sono sempre impegnato con varie dirette e collegamenti sui social».

Coronavirus, Fiorello posta la foto attacca i runner: «Ci meritiamo il coprifuoco»

Coronavirus, Beppe Fiorello: «Troppo show, agli artisti dico: abbassate i toni e fate vedere la vostra paura»

Il popolare conduttore siciliano ha anche spiegato di essere lui a fare la spesa per tutta la famiglia: «Mia moglie Susanna resta in casa, io invece vado a fare la spesa a pochi metri da casa, ma non al supermercato. Preferisco la vendita al dettaglio perché c'è meno fila e, per non farmi riconoscere, vado completamente 'bardato': mascherina, cappello, casco integrale... Praticamente, mi faccio capire a gesti».

Rosario Fiorello poi racconta la vita ai tempi della quarantena: «Qui restiamo sempre a casa, lo facciamo con grande diligenza. Il nostro è un sacrificio da niente in confronto al lavoro di medici, infermieri e personale sanitario che lottano in prima linea contro il coronavirus».

Si parla poi dell'appuntamento con 'Il meglio di RaiPlay'. Fiorello, prima di mostrare la cover dello smartphone griffata 'Viva RaiPlay', spiega: «Sono molto felice perché è stato molto visto dai telespettatori. Ben venga tutto questo, la Rai sta rallegrando gli italiani in un momento difficile con tutto il meglio che ha a disposizione. Ho già suggerito che vada in onda anche il meglio di 'Techetechetè'».

Ultimo aggiornamento: 23 Marzo, 07:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani