Belen torna a lavorare 8 giorni dopo il parto e si sente male: «Ho fatto tre flebo». Tu si que vales, registrazioni interrotte

Belen, 8 giorni dopo il parto torna a lavorare e si sente male: «Ho fatto tre flebo»
3 Minuti di Lettura
Martedì 20 Luglio 2021, 20:48 - Ultimo aggiornamento: 23:00

Belen torna a lavoro, ma la risposta del suo fisico, a otto giorni dal parto, non è stata quella che sperava. La showgirl argentina non è riuscita a registrare Tu si que vales ed è stata costretta a tre flebo al suo ritorno in abergo. A raccontarlo è la stessa Belen nelle sue stories di Instagram. «Sono appena tornata in hotel ma non sono stata bene - ha ammesso - Ho fatto tre flebo, perché era disidrata. Ci ho provato ma non sono riuscita a registrare, doma ni speriamo di riuscire a fare Tu si que vales». 

Belen Rodriguez, torna a lavorare una settimana dopo il parto: il viaggio in treno con Luna Marì e il compagno

Belen, primo giorno di lavoro a otto giorni dal parto

La notizia del suo ritorno a lavoro dopo appena una settimana dal parto della sua seconda figlia Luna Marì, nata dalla relazione con il compagno Antonino Spinalbese, aveva scatenato una forte reazione da parte dei suoi follower. La showgirl argentina domenica aveva lasciato la villa dove si è trasferita con tutta la famiglia per le vacanze dopo il parto per dirigersi verso gli studi Mediaset. Un viaggio in treno affrontato con la neonata. Per molti si trattava di un rientro frettoloso. 

Belen Rodriguez, come si mostra a pochi giorni dal parto: la splendida forma fisica

Belen, la figlia portata in terapia intensiva per qualche ora, poi torna il sorriso

Le polemiche dai social

Troppo presto per affrontare lo stress lavorativo a soli sette/otto giorni dalla nascita della piccola Luna Marì. Nonostante ciò Belen ha deciso di rimettersi subito a lavoro perchè a breve inizierà le riprese delle nuove puntate di Tu si que vales, lo show del sabato sera in onda su Canale 5 a settembre. Ma il primo tentativo non ha avuto un esito positivo. 

Video

Belen e il parto a Padova, il giallo del cartello appeso e del terzo piano della clinica blindato

© RIPRODUZIONE RISERVATA