Scontro mortale in scooter dall'autopsia l'agonia di Alessio dopo l'incidente

Scontro mortale in scooter dall'autopsia l'agonia di Alessio dopo l'incidente
2 Minuti di Lettura
Domenica 3 Ottobre 2021, 05:02

IL DRAMMA
Morte traumatica. Lesioni traumatiche. Il linguaggio medico-scientifico non può racchiudere tutto l'abisso di dolore e il dramma che ha sconvolto una famiglia e tutta una comunità, ma può spiegare.
Può spiegare l'agonia di un povero ragazzo di appena 18 anni, che ha avuto la sfortuna di trovarsi in sella al suo scooter nel posto sbagliato e al momento sbagliato.
Alessio Galletti, martedì sera, stava tornando a casa dalla mamma e dai nonni quando per cause ancora in corso di accertamento da parte degli agenti della polizia locale è stato prima investito da un'auto e poi travolto da un'altra che arrivava dal senso contrario.
L'esame autoptico, condotto ieri pomeriggio dal medico legale Massimo Lancia, avrebbe dunque evidenziato come le cause della morte del ragazzo di San Martino in Colle debbano essere ricercate nelle ferite causate dall'incidente. Ma, per quanto importante quanto evidenziato, l'autopsia non può bastare. Necessaria infatti una perizia sui mezzi coinvolti nell'incidente che sarà disposta nei prossimi giorni e le cui risultanze dovranno essere incrociate con quelle dell'autopsia e i rilievi delle forze dell'ordine. Da ricordare come una donna di 49 anni e un'altra di 67 restano indagate per omicidio stradale proprio per la morte del ragazzo. Nelle prossime ore previsto il funerale.
Ci sono decine di ragazzi sconvolti nella zona per la morte di Alessio. C'è la fidanzata Greta che lo saluta con un «ti amo» e posta le foto del murale a lui dedicato. Ci sono gruppi di amici che ogni giorno sostano, sconvolti increduli e in lacrime, proprio davanti a quel murale. Ci sono tantissimi ragazzi che lo conoscevano e lo piangono.
Alessio frequentava la Classe IV dell'Itis all'Istituto onnicomprensivo Salvatorelli Moneta dove lo ricordano come un bravo ragazzo. La notizia ha sconvolto tutti. La scuola, dopo aver presentato condoglianze istituzionali alla famiglia sta organizzando una partecipazione massiccia per quando ci saranno i funerali. Per ricordarlo.
Poi i compagni di scuola stanno progettando alcune iniziative per ricordarlo che inizieranno in occasione dei funerali e che avranno un seguito successivamente. La scuola ha attivato un supporto psicologico per i compagni di classe che sarà svolto dallo psicologo di riferimento della scuola.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA