Grande abbuffata addio, il pranzo di Ferragosto diventa salutista

Giovedì 15 Agosto 2019 di Carlo Ottaviano
Grande abbuffata addio, il pranzo di Ferragosto diventa salutista

È Plastic Free la tendenza del Ferragosto 2019. Il passaparola via social e tra amici che si sono dati appuntamento per oggi è di evitare al massimo le stoviglie monouso e - se proprio servono - che siano di materiale 100% compostabile. Chi è in Maremma e alto Lazio ha avuto persino la sorpresa (in verità annunciata da tempo) di non trovare sugli scaffali Unicoop Firenze bicchieri e posate in materiale plastico. Anticipando le norme europee in vigore dal gennaio 2021, la sola cooperativa toscana eviterà così di immettere in commercio - e nell’ambiente - decine di milioni di piatti, bicchieri e posate monouso ogni anno. Dovunque nascono quindi idee green. In provincia di Pavia, al Girasole di Travacò, nei servizi forniti per i pic nic di oggi ci sono addirittura cannucce golose fatte di zucchero e limone, mangiabili dopo l’uso. Altri esempi di cannucce commestibili sono state create dalla cooperativa Campo di Fossombrone nelle Marche: assieme a un pastificio realizza i classici ziti napoletani (pasta lunga col buco) con bioplastiche biodegradabili ricavate da materie prime vegetali rinnovabili.

Coldiretti, gli italiani scelgono sempre più gli agriturismi

Coldiretti, 8 italiani su 10 scelgono la griglia a Ferragosto
 

CONVIVIALITÀ
Insomma, anche il pranzo di Ferragosto si rinnova. Nessuno ci rinuncia ma cambia. Basta sfogliare la collezione di Cucina Italiana, l’autorevole rivista che a dicembre compie 90 anni. “In passato - ricorda la direttrice Maddalena Fossati - abbiamo celebrato con rubriche ad hoc il pranzo di Ferragosto con le ricette tipiche di minestrone freddo (Lombardia), piccione arrosto (Toscana), orecchiette con cime di rapa (Puglia), pollo e peperoni (Lazio), parmigiana al Sud e così per ogni regione. Adesso si festeggia invece l’idea di starsene tutti in vacanza ma da un punto di vista gastronomico si tende ad alleggerire il pranzo in modo da poter fare una nuotata poco dopo o magari si punta alla cena. Forte è comunque la tendenza barbecue/grigliata che piace in tutta la penisola e che mette d’accordo gli italiani dai monti alle spiagge. Unico must: stare insieme!.

IL RITO
Ma quale grigliata? Coldiretti/Ixè come ogni anno ha svolto una indagine volante: quest’anno la maggioranza assoluta preferisce le grigliate a base di carne (49%), il 22% quelle miste, il 21% solo di pesce mentre ridotta è la percentuale dei vegetariani (8%). Anche sulla scelta degli ingredienti da mettere sulla brace, il 2019 è nel segno della tutela dell’ambiente, magari risparmiando fino al 50% con l’acquisto di tagli alternativi meno conosciuti. Per esempio ideale per la griglia è la squisita faentina, cioè la pancia tagliata a fette.

Il Ferragosto - feriae augusti istituito dall’imperatore Augusto - è un giorno di pausa dalla quotidianità anche per le diete. Tanto che il nutrizionista Giorgio Calabrese, docente universitario, presidente della sezione “sicurezza alimentare” del ministero della salute, concede il diritto a uno sgarro alle corrette consuetudini. In uno stravizio una tantum - afferma - va bene anche un trittico di piatti. Un antipasto di mare col pesce (sempre abbattuto se crudo), poi un primo non eccessivamente calorico ma di altissimo livello. Invece del secondo, suggerisco un semifreddo o una torta gelato. Non facciamoci mancare anche un vino rosato e col dolce un buon Moscato d’Asti o di Siracusa. Un menu - precisa Calabrese - che poi ci impone di fare i bravi. Se invece si è dei peccatori abituali, consiglio solo un piatto dei tre.

PIACERI
In verità, stando a una indagine di Cna Agroalimentare, il piatto unico quest’anno vince abbondantemente sulla grande abbuffata. Trionfa - precisa la Confederazione degli artigiani - la cucina della nonna ma il gusto si fa easy mandando in soffitta la scansione dei pasti in antipasto, primo, secondo e realizzando un piatto unico. La top ten della Cna segnala un grande ritorno della lasagna, declinata anche come timballo o vincisgrassi, pasta al forno o sartù. Ore di preparazione per sfamare parenti e amici per una intera giornata.

Ultimo aggiornamento: 11:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma