Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, la mappa della guerra: i siti presi di mira dall'invasione russa

Zelensky: «Siamo qui, siamo a Kiev, stiamo difendendo la nostra nazione»

Ucraina, la mappa della guerra in tempo reale: i siti presi di mira dall'invasione russa
5 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Febbraio 2022, 19:29 - Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio, 11:09

Quando le esplosioni sono risuonate per la prima volta in tutta l'Ucraina intorno alle 5 del mattino di giovedì, l'Europa è piombata ancora una volta nell'incubo della guerra. Case distrutte, metropolitane usate come rifugi, morti, feriti, decine di migliaia di persone costrette a lasciare le proprie città e fuggire verso il confine del Paese. Le forze di terra russe sono entrate nelle regioni dell'Ucraina, bombe sono cadute sui principali centri urbani, e missili balistici e da crociera hanno preso di mira i siti di controllo militare nell'area della capitale.

Il secondo giorno dell'avanzata, mentre Kiev è stata scossa da terribili esplosioni, residenti e leader politici si sono preparati all'invasione. Giovedì pomeriggio le truppe di Putin avevano preso il controllo della centrale nucleare di Chernobyl. Funzionari hanno riferito che più di 100 soldati ucraini e russi sono morti, insieme a diversi civili. Il governo locale ha avvertito i residenti di Obolon, un distretto a nord della capitale, di non uscire di casa e di tenersi al riparo. «Siamo qui, siamo a Kiev, stiamo difendendo la nostra nazione», ha detto il presidente ucraino Zelensky sceso in strada vestito con una tuta militare. Ecco allora la mappa delle principali zone di guerra in tempo reale e i siti presi di mira dall'invasione russa

L'invasione 

Le regioni lungo i confini dell'Ucraina sono state tra le prime ad essere colpite, con convogli militari che sono entrati nel Paese dalla Russia e dalla Bielorussia, alleata del Cremlino. Secondo il ministero dell'Interno ucraino, i carri armati sono entrati nelle regioni del nord-est di Luhansk, Chernihiv e Zhytomyr e hanno preso di mira la zona intorno a Kharkiv, un importante centro culturale e industriale che, con 1,4 milioni di persone, è la seconda città più grande dell'Ucraina.

Chonhar

I veicoli russi contrassegnati con una "Z" sono stati visti entrare nel villaggio rurale di Chonhar dalla regione della Crimea occupata dai russi, secondo il video diffuso giovedì dal ministero dell'Interno ucraino. Il villaggio è diventato di fatto un posto di blocco di frontiera da quando la Russia ha occupato la penisola nel 2014.

Kiev e Kharkiv 

I missili hanno preso di mira i centri di controllo militare nell'area di Kiev. Sono stati visti elicotteri volare nella regione mentre il fumo nero si alzava dalle esplosioni. I residenti hanno documentato vetri spaccati e proprietà ricoperte di detriti.

Kramatorsk

Un proiettile russo ha colpito un ospedale, uccidendo quattro persone e ferendone altre 10, a Vuhledar nella regione di Donetsk, ha detto il ministero dell'Interno ucraino. Tra i feriti c'erano sei medici. Quattro milioni di persone vivono in questa zona dell'Ucraina orientale, vicino al confine con la Russia.

Horodyshche e Uman

Le forze di Putin hanno catturato il villaggio di Horodyshche, secondo il servizio di emergenza statale ucraino, guidando carri armati nella regione di Cherkasy a sud della capitale. La regione storica ospita 1,2 milioni di abitanti. Tra le vittime un ciclista ucciso da un'esplosione a Uman, luogo di pellegrinaggio per gli ebrei chassidici venuti da tutto il mondo per visitare la tomba di un influente rabbino morto nel 19° secolo.

Milove

Anche il villaggio di Milove nella regione di Luhansk è caduta in mano all'esercito russo. Luhansk, popolata da 2,1 milioni di persone, si trova vicino al confine orientale con la Russia ed è una delle due province di lingua russa che i separatisti sostenuti da Putin hanno in parte controllato dal 2014. La Russia ha riconosciuto le regioni come repubbliche indipendenti prima dell'invasione.

Podolsk

Almeno sei persone sono morte e altre sette sono rimaste ferite in un bombardamento vicino alla storica città portuale di Odessa, sul Mar Nero. La città meridionale, la terza più grande del paese, è il capoluogo della regione, con una popolazione di 2,4 milioni. Il bombardamento ha colpito la città più piccola di Podolsk.

Senkivka

Una processione di carri armati è stata vista arrivare a Senkivka, un posto di blocco a tre vie di confine con la Bielorussia e la Russia nel nord dell'Ucraina, secondo un live streaming della guardia di frontiera di stato ucraina giovedì pomeriggio. Il valico di frontiera si trova appena fuori dal piccolo villaggio di Senkivka, nello stato scarsamente popolato di Chernihiv. Il valico di frontiera si trova a 3 ore e mezza di auto da Kiev, uno dei principali obiettivi delle truppe russe.

Shchastia

Le forze governative hanno ucciso 50 "occupanti" russi mentre respingevano un attacco russo alla città di Shchastia nella regione di Luhansk, secondo il comando delle forze armate ucraine, sebbene questo attacco non sia stato confermato da NBC News. Luhansk, che ospita 2 milioni di abitanti, è una delle due regioni dell'Ucraina orientale guidate dai separatisti sostenuti dalla Russia.

Kiev

Il secondo giorno dell'attacco, le truppe russe sono avanzate verso la città mentre alcuni residenti sono fuggiti e altri si sono rifugiati. Venerdì mattina presto, il governo ucraino ha esortato i civili a preparare bombe molotov per difendersi dai combattimenti di terra della Russia e ha avvertito quelli di Obolon , un distretto nella parte nord di Kiev, di non uscire.

di Alessandro Strabioli

© RIPRODUZIONE RISERVATA