CORONAVIRUS

Covid diretta, in America 121mila contagi in un giorno. Russia, sale l'allerta. E in Francia 52mila positivi

Venerdì 6 Novembre 2020
Covid diretta, in America 121mila contagi in un giorno. Russia, sale l'allerta. E in Francia 52mila positivi

Cresce il trend di contagi da Covid-19 nel panorama internazionale, con alcuni picchi che segnano nuovi record. In totale al mondo si sono registrati finora 48,6 milioni di contagi e oltre 1,23 milioni di vittime. Pesante è lo scenario di contagi da coronavirus negli Stati Uniti d'America con oltre 120 mila casi registrati nelle ultime 24 ore, per un totale di oltre 9,6 milioni di casi di cui quasi 235 mila decessi. E spiccano sempre più attenzionate le realtà della Russi,a della Germania e della Francia. La Cina sospende in via temporanea l'ingresso nel suo territorio anche ai cittadini residenti in Italia.

Covid Germania, Angela Merkel: «Lockdown dal 2 novembre per un mese, servono misure dure»

Covid, Svizzera oltre gli 8mila casi: 4 regioni italiane rimosse dalla black list, bar e ristoranti chiusi alle 23

Covid, diretta: Madrid verso coprifuoco da mezzanotte, tre città in confinamento perimetrale. In Croazia nuovo record di contagi

RussiaNelle ultime 24 ore in Russia si sono registrati 20.582 nuovi contagi di Covid-19: il numero più alto in un solo giorno dall'inizio dell'epidemia. I decessi provocati dal morbo sono stati 378 nel corso dell'ultima giornata. Stando ai dati pubblicati dal centro operativo anti-coronavirus, in totale in Russia si contano 1.733.440 contagi e 29.887 persone sono morte a causa del Covid.

Stati Uniti d'AmericaNuovo record di casi di Covid-19 negli Stati Uniti, dove nelle ultime 24 ore sono state registrate 121.054 infezioni. Lo ha riferito la Johns Hopkins University, che aggiorna un database sugli sviluppi della pandemia in tutti i Paesi del mondo. Il precedente record negli Usa, toccato ieri, era di 102.831 casi.

Francia. Aggiornati i dati della Francia. Si registra un record di 58.000 casi positivi in sole 24. I decessi, comunica il governo, sono stati da ieri 363, cifra lievemente in calo dai 385 di ieri. In rianimazione ci sono stasera 4.230 malati di Covid, 141 in più rispetto a ieri. Il record di 58.000 casi positivi in sole 24 ore annunciato ieri in diretta tv dal direttore generale della Salute, e confermato più tardi dall'abituale comunicato di Santé Publique France, è probabilmente dovuto anche al «recupero» di circa 60.000 dati relativi a test positivi che erano rimasti «imbottigliati» nei giorni scorsi a causa di un «bug» del sistema. Lo scrive oggi Le Parisien. Già da un paio di giorni, l'organismo sanitario del governo avverte - in calce alla lista di dati - che «a causa di un problema di afflusso dei dati, gli indicatori basati sui dati dei test sono stati sottostimati nelle settimane scorse». 

Video

Germania. Il paese ha regustrato un nuovo record di 21.500 nuovi casi in un giorno con oltre 600mila decessi da Covid. Come ha reso noto il Robert Koch Institute per le malattie infettive, i casi accertati nelle ultime 24 ore sono 21.506 e portano il totale dei contagi oltre la soglia di 600mila, a 619.089 dall'inizio dell'epidemia. Si sono inoltre verificati 166 decessi in un giorno e in questo caso il numero delle vittime supera la soglia di 11mila, a 11.096.

LibiaUnicef e Oms lanciano l'allarme. Mancano vaccini: 250.000 bambini a rischio. Unicef e Oms si dicono «estremamente preoccupati a causa della forte carenza in Libia di vaccini fondamentali, che minaccia la salute dei bambini del paese. Nel 7 mesi passati, una carenza senza precedenti di vaccini nel paese ha interrotto i programmi di vaccinazione dei bambini e li ha esposti a rischio di malattie e morte». Secondo le due organizzazione si tratta del «risultato diretto della pandemia da Covid-19, che ha portato alla chiusura dei confini internazionali, restrizioni di movimento e ritardi nell'approvvigionamento e nella distribuzione dei vaccini». Una recente verifica in 200 dei 700 siti per le vaccinazioni in Libia, portata avanti dal National Centre of Disease Control col supporto dell'Unicef e dell'Oms ha dimostrato che - spiegano in una nota - tutti i 200 siti avevano esaurito il vaccino Bcg e avevano quantità estremamente limitate del vaccino esavalente. L'Unicef e l'Oms hanno esortato le autorità nazionali a garantire l'immediato stanziamento di fondi per rifornire le scorte di vaccini del paese. «I vaccini sono fra gli interventi di salute pubblica più importanti a livello globale. La vaccinazione protegge i bambini contro malattie gravi prevenibili con vaccino e riduce la mortalità dei bambini», ha dichiarato Elizabeth Hoff, rappresentante dell'Omsin Libia. «Mentre il mondo è in cerca delle molteplici vie per frenare la pandemia da Covid-19, è importante assicurare che i risultati ottenuti attraverso il programma esteso sulle vaccinazioni in Libia siano sostenuti» ha dichiarato AbdulKadir Musse, rappresentante speciale dell'Unicef in Libia.

 

 

Ultimo aggiornamento: 13:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA