CORONAVIRUS

Francia, allarme per i primi pazienti morti con le cure “fai da te” di antimalarici

Giovedì 2 Aprile 2020

Allarme in Francia sui trattamenti con antimalarici a base di clorochina o idrossiclorochina, associate o meno all'antibiotico azitromicina, nei pazienti con Covid-19, che avrebbero provocato disturbi del ritmo del cuore e arresti cardiaci in alcuni ospedali francesi, causando in alcuni casi la morte dei pazienti.

Coronavirus, Roma: Plaquenil introvabile, allarme nelle farmacie. Burioni: «Non assumetelo»

Coronavirus, Burioni: «Dai farmaci arrivano buone notizie, sembra siano efficaci»

L'agenzia. La denuncia arriva da un farmacista di un ospedale universitario, nonché corrispondente del Centro di farmacovigilanza nella sua regione, che ha lanciato l'allarme insieme a medici infettivologi e suoi colleghi farmacisti, precisando di aver inviato la casistica all'attenzione dell'Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali (Ansm). Ieri anche l'Agenzia sanitaria regionale della Nouvelle-Aquitaine - riferisce "in esclusiva" 'Le Point' - ha reso noto che «sono stati segnalati casi di tossicità cardiaca nella regione a seguito dell'autosomministrazione di Plaquenil* (idrossiclorochina) da parte di pazienti che avvertivano sintomi di Covid-19».

I test. Attenzione ai test fai da te sul coronavirus. L'Agenzia europea per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ricorda che «mentre la maggior parte dei test rapidi per il coronavirus marcati CE sono conformi», le autorità nazionali hanno rilevato irregolarità in alcuni di questi «venduti come presunti test fai da te. Numerosi Stati membri hanno messo in guardia dall'uso di test 'fai da tè rapidi o addirittura li hanno vietati». L'Ecdc in un documento sui test rapidi disponibili in Europa, spiega che serve una «convalida clinica in un numero ampio di popolazione».
 

Da oltre un mese la clorochina e l'idrossiclorochina sono al centro dell'attenzione in tutto il mondo, soprattutto in Francia dove l'infettivologo di Marsiglia Didier Raoult sostiene che grazie a questi 'vecchi' antimalarici (sono sul commercio da una sessantina d'anni) si possa sconfiggere il coronavirus, mentre lo stesso presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, li ha definiti "un dono dal cielo".

Ultimo aggiornamento: 14:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA