Cop26, la bozza: ridurre le emissioni di Co2 del 45% entro il 2030. «Graduale eliminazione del carbone e dei sussidi»

Cop26, la bozza: ridurre le emissioni di Co2 del 45% entro il 2030. «Graduale eliminazione del carbone e dei sussidi»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Novembre 2021, 09:30 - Ultimo aggiornamento: 15:31

La presidenza britannica ha pubblicato una bozza del documento finale della Cop26, il vertice sul clima delle Nazioni Unite in corso a Glasgow. Nel documento, riportano i media britannici, si esortano i Paesi a «rivisitare e rafforzare» entro la fine del 2022 i target di riduzione delle emissioni per il 2030 nei loro piani d'azione nazionali con l'obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi.

Cop26, «La Polinesia finirà sott'acqua»: la provocazione del ministro che parla immerso nel mare

Obama sul clima: «Stiamo fallendo, male assenza Cina e Russia». Ma Greta lo snobba e Vanessa lo attacca: «Tradite le promesse»

La bozza, che sarà la base di negoziazione tra i Paesi partecipanti ai colloqui, esorta inoltre a definire piani e politiche entro la fine del prossimo anno per ridurre le emissioni di anidride carbonica del 45% al 2030 e raggiungere le zero emissioni nette entro la metà del secolo. Chiede ai Paesi di accelerare la graduale eliminazione del carbone e dei sussidi per i combustibili fossili, e ai Paesi sviluppati di almeno raddoppiare i finanziamenti per il clima per aiutare i Paesi in via di sviluppo ad adattarsi ai cambiamenti climatici.

 

L'aiuto ai paesi meno sviluppati

La bozza di documento finale della Cop26 di Glasgow pubblicata nella notte «accoglie favorevolmente gli impegni accresciuti presi dai paesi sviluppati» per il fondo di aiuti ai paesi meno sviluppati previsto dall'Accordo di Parigi, impegni che hanno l'obiettivo «di arrivare al più tardi nel 2023 al target dei 100 miliardi di dollari all'anno».

Il documento «sottolinea la necessità di un aumento del sostegno delle parti ai paesi in via di sviluppo, oltre l'obiettivo di mobilitare 100 miliardi di dollari all'anno». Quindi «nota con rammarico» che neppure il target dei 100 miliardi all'anno dal 2020 «è stato ancora raggiunto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA