Chernobyl, nuovi timori: truppe russe bombardano le case del personale che gestisce l'impianto

Il continuo bombardamento nella città di Slavutych, sede di molti operai e tecnici impiegati nella centrale nucleare, impedisce la rotazione dei lavoratori dentro e fuori l'impianto

Chernobyl, bombe russe minacciano il personale: «Turnazione serve per garantire sicurezza radiazioni»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Marzo 2022, 16:03 - Ultimo aggiornamento: 20:39

Sono state sollevate preoccupazioni per un disastro nucleare dopo che le truppe russe hanno iniziato a bombardare la città ucraina dove vive il personale che lavora nello stabilimento di Chernobyl. Il continuo bombardamento nella città di Slavutych, sede di molti operai e tecnici impiegati nella centrale nucleare, impedisce la rotazione dei lavoratori dentro e fuori l'impianto.

Al fine di garantire un qualsiasi rischio radioattivo, il personale deve potersi riposare a sufficienza e avere la capacità di prendere decisioni senza pressioni indebite. L'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) ha espresso «preoccupazione» dopo che l'Ucraina ha avvertito del bombardamento di Slavutych, la città costruita per ospitare i lavoratori di Chernobyl dopo il disastro del 1986. L'Ucraina ha affermato che i bombardamenti stanno mettendo a rischio i lavoratori nucleari e impedendo un'ulteriore rotazione del personale da e verso il sito. Il capo dell'AIEA, Reafael Grossi, ha affermato che l'incidente è avvenuto «pochi giorni dopo che il personale tecnico dello stabilimento di Chernobyl ha potuto finalmente ruotare e recarsi nelle proprie case a Slavutych e riposarsi dopo aver lavorato per quasi quattro settimane senza alcun cambiamento di turno»

Chernobyl, incendio nella foresta vicino alla centrale nucleare. Kiev: «Rilevati aumenti di cesio nell'aria, ma incendio sotto controllo»

I rischi

All'inizio di questa settimana, le forze russe hanno distrutto un laboratorio nell'impianto di Chernobyl che lavorava per migliorare la gestione delle scorie radioattive. L'agenzia ucraina responsabile della zona di esclusione di Chernobyl ha affermato che il laboratorio, costruito per un costo di 6 milioni di euro con il supporto della Commissione europea, è stato aperto nel 2015. Il laboratorio conteneva «campioni altamente attivi e campioni di radionuclidi che ora sono nelle mani del nemico, che speriamo possano danneggiare se stesso e non il mondo civile», ha affermato l'agenzia nella sua dichiarazione. I radionuclidi sono atomi instabili di elementi chimici che rilasciano radiazioni.

L'alimentazione dell'impianto è stata temporaneamente interrotta durante i combattimenti all'inizio di questo mese e l'agenzia di regolamentazione nucleare ucraina ha dichiarato lunedì che i monitor delle radiazioni intorno all'impianto avevano smesso di funzionare. Dall'inizio dell'offensiva militare russa, il capo dell'Aiea ha più volte messo in guardia sui pericoli del conflitto, che è il primo a svolgersi in un Paese con un vasto parco nucleare composto da 15 reattori, oltre a Chernobyl. Grossi ha ribadito questa settimana di essere pronto a inviare attrezzature e personale per garantire la sicurezza degli impianti e «prevenire un grave incidente nucleare». Ha criticato il fatto che non fosse stato ancora raggiunto un accordo con Mosca e Kiev nonostante gli intensi sforzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA