Usa, pacchi bomba inviati a Obama, Clinton, Soros e a sede Cnn. Casa Bianca: minaccia seria

Mercoledì 24 Ottobre 2018
Allarme negli Usa, pacchi bomba inviati a Obama, Hillary Clinton, Soros e alla sede della Cnn

Allarme negli Usa per una serie di pacchi sospetti recapitati agli uffici dell'ex presidente americano Barack Obama, all'ex segretario di Stato Hillary Clinton, a Geroge Soros e al Time Warner Center di New York, sede anche della Cnn, nel cuore di Manhattan a Columbus Circle, che è stato evacuato. I pacchi destinati a Obama e Clinton, spiegano i Servizi segreti, sono stati identificati durante lo screening come potenzialmente esplosivi e sono stati trattati come tali. Altri pacchi erano stati indirizzati alla Casa Bianca ma sono stati bloccati prima.
 


Gli ordigni dovrebbero essere frutto della stessa mano, afferma il Secret Service che ha avviato un'indagine a tutto campo. Al lavoro anche l'Fbi per identificare i responsabili. 

La Casa Bianca «condanna i tentativi di attacchi violenti compiuti recentemente» contro gli ex presidenti Bill Clinton e Barack Obama, l'ex segretario di Stato Hillary Clinton e altri personaggi pubblici. «Questi atti di terrorismo sono spregevoli e chiunque ne sia responsabile sarà portato con severità davanti alla giustizia», ha detto la portavoce Sarah Sanders. Il Secret Service degli Stati Uniti e altre agenzie di polizia, ha aggiunto, «stanno indagando e intraprenderanno le azioni adeguate per proteggere chiunque sia minacciato da questi vigliacchi».
 


Paura nella sede della Cnn. L'allarme è andato in diretta tv, con la sirena che ha cominciato a suonare nello studio dove gli anchorman stavano raccontando degli ordigni rinvenuti negli uffici di Hillary Clinton e Barack Obama. L'ordigno è stato trovato nella stanza di distribuzione della posta del complesso. «Un atto di terrore mirato a minare la libertà di stampa, ma non ci intimidiranno e non ci terrorizzeranno», lo ha definito il sindaco di New York Bill de Blasio. «È tempo di odio e paura - ha aggiunto de Blasio - ma la grande maggioranza di americani e di newyorkesi vuole vivere in pace».
 
Il Secret Service ha spiegato che nel caso di Bill e Hillary Clinton l'ordigno è stato rinvenuto ieri sera negli uffici che l'ex presidente e l'ex segretario di stato Usa hanno all'interno della loro residenza nella località di Chappagua, nello stato di New York.

Nel caso di Barack Obama l'esplosivo è stato trovato stamattina nella posta del suo ufficio di Washington. I due ordigni sarebbero simili a quelli trovati nella residenza, sempre nello stato di New York, del miliardario filantropo George Soros, uno dei principali finanziatori del partito democratico e accusato dalla destra, da alcuni repubblicani e dai sostenitori di Donald Trump di essere dietro alla carovana di migranti in arrivo al confine sud degli Usa.

Ultimo aggiornamento: 26 Ottobre, 17:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma