BLACK FRIDAY

Black Friday, perché si chiama così? L'origine risale agli anni Sessanta

Venerdì 23 Novembre 2018 di Paolo Travisi

Sconti a non finire, affari da non perdere. Il Black Friday ha conquistato anche l'Italia, da giorni non si parla d'altro sul web. Ma la traduzione italiana di questo termine, venerdì nero, da noi di solito si usa in occasione di scioperi e paralisi del traffico. Negli States, il black friday, cade il giorno successivo al Thanksgiving, il giorno del ringraziamento, una delle feste più attese in America che si celebra il quarto giovedì di novembre.

LEGGI ANCHE Black Friday, anche il funerale è con lo sconto: «Acquista oggi e muori quando vuoi»

Questa giornata di shopping frenetico avrebbe origine negli anni Sessanta, periodo in cui i negozianti proponevano prezzi speciali per attirare acquirenti in vista del Natale. In quegli anni, senza computer, i registri contabili si compilavano a mano, usando la penna. E se il colore rosso identificava le perdite del negozio, il nero, al contrario era usato per i conti in attivo. E grazie al black friday, il venerdì sera i registri contabili erano scritti tutti in nero, grazie ai prezzi scontati.
 


In realtà questa è solo una delle versioni dietro alla nascita del Black Friday, quello più diffusa e credibile. Ma ce ne sono molte altre. Secondo un'altra ipotesi, meno mitica, ma altrettanto verosimile, il termine risalirebbe sempre allo stesso periodo, gli anni Sessanta, ma fu coniato dalla polizia di Philadelphia per descrivere il traffico congestionato della città. Quando il tradizione match di football tra Esercito e Marina, portò in città migliaia di spettatori (quindi anche consumatori), paralizzando il traffico. Come il nostro venerdì nero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma