Altaroma al via dal 15 settembre, il calendario di sfilate ed eventi a Roma

Lunedì 7 Settembre 2020
Altaroma al via dal 15 settembre, il calendario di sfilate ed eventi a Roma
Un percorso durato anni, un cambiamento annunciato e che si sta definitamente compiendo quello di Altaroma, società promotrice della Roma Fashion Week, che dal 15 al 17 settembre ospita nelle sale di Palazzo Brancaccio le sfilate e gli appuntamenti legati alla prossima stagione. Tre intense giornate in cui si succederanno presentazioni, show, nonché l’attesa finale del progetto promosso da Altaroma in collaborazione con Vogue Italia, Who is on next?, che sottolineano l’impegno, il sostegno e la visibilità che Altaroma vuole dare ai designer e ai brand indipendenti ed emergenti. Tutto senza tralasciare il forte legame con l’alta artigianalità e l’alta sartoria, dialogo che si rinnova nelle sale dello storico palazzo che sovrasta il Colle Oppio e che è di fatto l’ultima dimora patrizia costruita all’interno delle antiche mura aureliane, che circondavano la città di Roma.

Altaroma, Palazzo Brancaccio sarà la location della settimana della moda
Altaroma non si ferma, ecco i finalisti di Who in on Next: il vincitore a settembre

Nonostante i rallentamenti e gli ostacoli incontrati per via dell’emergenza sanitaria, che ha colpito tutto il mondo, la manifestazione si svolge anche dal vivo, e nel rispetto delle norme di sicurezza anti-covid. Non solo, si potrà seguire l’intera manifestazione in simultanea collegandosi alla piattaforma digitalrunway.altaroma.it che sarà attiva come programmazione in streaming, ma soprattutto darà l’opportunità a designer, giornalisti, buyer, e addetti ai lavori di interfacciarsi e dialogare tra loro per tutti i mesi di settembre e ottobre.



«Questa è un’edizione speciale - dichiara la Presidente Silvia Venturini Fendi - non solo perché rappresenta parte del compimento del lungo processo di riposizionamento di Altaroma, ma soprattutto perché, nonostante le oggettive difficoltà siamo riusciti a ricreare quell’atmosfera di dinamismo e fermento che hanno fatto della Settimana della Moda di Roma il punto di riferimento per studenti, designer emergenti e giovani talenti, concentrando in tre giorni un programma ricco di appuntamenti. A loro abbiamo dedicato tutti i nostri sforzi per cercare di essere presenti anche dal vivo, non solo online, affinché non venissero a mancare, in una situazione così critica, tutti quegli strumenti e quelle opportunità necessarie al sostegno delle proprie attività. Inoltre, la vicinanza con le date della Fashion Week di Milano e con le altre manifestazioni di moda che si stanno tenendo a settembre, restituirà ancora meglio il senso dell’azione sinergica e di sistema che stiamo portando avanti a favore dei giovani talenti del Made in Italy».

I giovani designer trovano difatti un naturale spazio all’interno della Settimana della Moda di Roma, che ha messo al centro della sua missione proprio la ricerca degli emergenti e dei valori del Made in Italy, un processo che è si è compiuto grazie specialmente al sostegno dei Soci (Camera di Commercio di Roma, Regione Lazio, Città Metropolitana e Risorse per Roma) e al supporto determinante del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e di ICE - Agenzia.

Saranno proprio le istituzioni ad aprire la manifestazione e a inaugurare la serie di talk che si svolgeranno durante le tre giornate e che concentreranno l’attenzione sulle nuove professioni e sul sostegno ai talenti emergenti.

Mai come in questo momento sono stati privilegiati le giovani leve del comparto moda. Si parte con Who is on next?, il progetto di scouting dedicato alla ricerca e alla promozione di talenti emergenti. Una chance unica che permette ai brand, selezionati tra le categorie prêt-à-porter e accessori, di esporre le loro creazioni di fronte a una giuria di esperti, e di ottenere supporto per consolidare i loro nomi nei mercati nazionali e internazionali. Novità di questa stagione sono la sezione Uomo e il coinvolgimento di brand genderlss. Per la categoria prêt-à-porter sono stati scelti: ac9, Alexandre Blanc, Dalpaos, Des Phemmes, Dima Leu, Francesco Murano, Gall, Roi du Lac e Vaderetro. Per gli accessori: IIndaco, Melip e Zeroundici Eyewear.

Tra i designer, marchi e outsider del settore trovano spazio e supporto anche i partecipanti di Showcase. Un’opportunità unica - e gratuita - realizzata proprio per introdurre nel mercato giovani designer e brand indipendenti. Sessantotto i nomi che si susseguiranno nelle tre giornate e che avranno l’opportunità di incontrare addetti ai lavori e player strategici per implementare il proprio business. Sono Adelaide C., Alessandra Balbi, Amato Daniele, Andrés Romo By Andrés Romo, Arianna Di Maio, Bav Tailor, Blasted Skin, Blue of A Kind, Brù Milano, Casa Preti, Caterina Moro, Caterina Zulián, Chiara Perrot, Cru Le, Derosis, Double Venezia, Edoardo Gallorini, Ellementi, Feelomena, Ferilli Eyewear, Fili Pari, Francesca Cottone, Francesca Marchisio, Frida Querida Firenze, Froy, Gaetano Pollice, Gaiofatto, Giulia Barela Jewelry, Giulia Boccafogli, Giuliana Mancinelli Bonafaccia, Gretel Z., Irma Cipolletta, Isabel Beachwear, Italo Marseglia, Jerelyn Creado, Kianid, Kilesa, Lana Volkov, Les Jeux du Marquis, Lunante, Magda K., Maiorano, Maria Sapio, Massimo Melchiorri, Mich Vasca, Michele Chiocciolini, Morfosis, Monica Campri Beach Couture, Move Officine del Cappello, Nahiot Hernandez, Nicola Brescini, Ninael Roma, Repainted, Ricagno, Roberto Lucchi, Sabrina Facchetti, Sartoria 74, Sg83 Di Silvia Gatti, Silvia Giovanardi, Spendthrift, Susana Madrid, Tarea Studio, The Body As Medium, Valenti, Valentina Poltronieri, Vescovo, Yekaterina Ivankova, Zerobarracento.

Non solo, si rinnova per loro la partnership con Lazio Innova, società in house della Regione Lazio, che destinerà a coloro che hanno la produzione - o hanno idea di dislocarla su territorio laziale - alcuni essenziali servizi di supporto alla crescita imprenditoriale.

Ed è partendo da qui che Altaroma varcherà tempi e confini riuscendo a coinvolgere tutti coloro che vorranno seguire la manifestazione. Altaroma Digital Runway sarà la porta sulle dimensioni del tempo e dello spazio: chiunque potrà partecipare digitalmente al calendario eventi della giornata, seguire talk e webinar. Agli addetti ai lavori sarà data la possibilità, previo accredito e richiesta, di disporre di un'interfaccia dedicata per accedere alle singole aree private dei designer e poterli intervistare, o per discutere eventuali aspetti commerciali nel caso dei buyer.

«Grazie a questa piattaforma - spiega Adriano Franchi, Direttore Generale di Altaroma - non diamo soltanto una pronta risposta alle difficoltà generate dall’emergenza sanitaria in merito alla partecipazione dal vivo dei nostri ospiti, ma accogliamo le numerose accorate richieste di tantissimi giovani brand di non rinunciare a un importante momento di promozione come Altaroma. Per loro abbiamo creato la possibilità di incontri B2B con buyer e interviste con la stampa che potranno svolgersi anche oltre le date di calendario. L’emergenza, infatti, ci ha costretto a rivedere le nostre abitudini e ci ha spinto ad anticipare i tempi sul fronte del digitale, apportando quelle migliorie che potranno aumentare la nostra cassa di risonanza, a beneficio di tutti i partecipanti».

Gli appuntamenti si divideranno tra i saloni di Palazzo Brancaccio e lo spazio Field - il polo espositivo inserito nella suggestiva residenza - e non mancheranno sfilate - individuali e collettive -, che vedranno partecipare numerosi brand, nuovi e già consolidati grazie alla maturazione per gradi e a tutto campo che Altaroma offre attraverso un sistema di apprendimento, confronto e crescita, preparando i designer ad affrontare scenari e contesti più esigenti e competitivi.

A calcare le passerelle ci saranno Casa Preti, Caterina Moro, Leolsd, Francesca Cottone e Gretel Z. Per Rome Is My Runway, il format di sfilata collettiva aperto alle produzioni Altaroma, Andres Romo, Chiara Perrot, Dassu y Amoroso, Ellementi, Feelomena, Francesca Marchisio, Maria Sapio, Morfosis, Roni Studios, Sartoria 74, Valentina Poltronieri e Salvatore Vignola.

Per loro Altaroma conferma il suo ruolo come canale dedicato allo sviluppo e all’internazionalizzazione per le realtà emergenti, per fare sì che l’indotto che porta il sistema della moda sul territorio (e non) resti saldo.

Per questo è stato lanciato Startup Fashion Academy, intervento avviato da Lazio Innova e supportato da Altaroma nell’ambito del programma LOIC Zagarolo. Un progetto rivolto a 20 giovani designer di moda del Lazio che hanno completato l’A.A 2019/2020, diplomati e diplomandi presso una delle 10 Accademie del Lazio con indirizzo moda e che potranno partecipare a un percorso gratuito di mentorship per definire e validare il proprio modello di business e di prototipazione, che consiste in due azioni complementari: product lab e manifattura digitale.

A corollario di tutti gli sforzi compiuti, la collaborazione della società con alcune testate media di livello nazionale e che per mission si rivolgono a target trasversali, per rinnovare lo spirito di squadra e di cooperazione con cui nasce e si svolge la manifestazione. Dall’agenzia Dire, con il supporto di Dire Giovani, a Leggo.it, Maxim e Pink Noises, portale di comunicazione e innovazione.


Tutte le informazioni e i dettagli sugli appuntamenti della Roma Fashion Week (calendario aggiornato e comunicati stampa) saranno disponibili in tempo reale sul sito di Altaroma www.altaroma.it © RIPRODUZIONE RISERVATA