Le portoricane guidano la rivolta contro il governatore: «Troppa violenza nei nostri confronti»

Mercoledì 24 Luglio 2019
Una delle manifestazioni di questi giorni

Le donne portoricane guidano la protesta per chiedere le dimissioni del governatore Ricardo Rossello, a cui si sono uniti anche Ricky Martin e Benicio del Toro. Migliaia di persone in strada a San Juan contro il premier. Tante manifestanti in prima fila perché da anni nell'isola dei Caraibi c'è un'allarmante crescita della violenza contro le donne. Le organizzazioni no profit che forniscono servizi alle vittime hanno denunciato un aumento delle richieste di aiuto. Nonostante le proteste delle donne,  è stato fatto poco o niente. E le chat misogine e omofobe del governatore Ricardo Rossello - quasi 900 pagine in tutto, da poco pubblicate dal Center for Investigative Journalism di Puerto Rico - hanno scatenato la rabbia delle portoricane.

Due membri di sesso maschile del gabinetto di Rossello che hanno anche partecipato alle chat si sono dimessi sulla scia dello scandalo, ma il governatore - che si è scusato per alcuni dei suoi commenti, dicendo che erano un modo per sfogarsi dopo un duro lavoro di una giornata - ha detto che rimarrà. Le portoricane sono furiose. Secondo un rapporto Aclu, Porto Rico  ha in percentuale il più alto tasso al mondo di donne con più di 14 anni uccise dai loro partner.  I ricercatori hanno scoperto che le agenzie governative non riescono a seguire i protocolli, a rispondere, a registrare e indagare sui crimini di stupro e violenza sessuale. E dei 20.000 casi di violenza domestica denunciati ogni anno alla polizia, il rapporto Aclu ha rilevato che solo 500 arrivano a una condanna.
L'altro giorno sono state uccise altre due donne e una di loro, diciottenne, era incinta, ha raccontato alla Cnn Vilma Gonzalez direttrice esecutiva di Paz Para la Mujer (Peace for Women), un'organizzazione di 30 anni che aiuta le vittime della violenza domestica.  «Il governatore e la sua amministrazione non prendono sul serio le donne, pensano che siamo tuttie puttane. Deve dimettersi». Le chat private del governatore erano omofobe e offensive per le donne.  In uno scambio di messaggi, Rossello definisce Melissa Mark-Viverito, ex presidente del Consiglio di New York City, una puttana che dovrebbe essere picchiata. Secondo l'Ufficio del Governatore delle Donne del Porto Rico il numero di donne uccise da un partner  è quasi raddoppiato dal 14 nel 2017 al 26 nel 2018.
Dall'inizio del 2019, 19 donne sono state assassinate, nove delle quali da un partner, tra cui una ragazza di 13 anni il cui fidanzato di 19 anni le ha versato benzina e l'ha data alle fiamme . La Colectiva Feminista en Construcción (Collettività femminista per l'edilizia) è tra i principali gruppi che richiamano l'attenzione sulla violenza di genere sull'isola. Il collettivo ha condotto sit-in in diverse parti dell'isola e di fronte al palazzo del governatore. 
«Le donne vivono in una crisi orribile ogni giorno», ha commentato Vanessa Contreras, una delle leader della Colectiva Feminist. «Le donne continueranno a protestare ogni giorno fino a quando Rossello non si dimetterà. Ma non si fermeranno quando si dimetterà. Continueranno a esercitare pressioni sulla sua sostituzione fino a quando il governo non dichiarerà uno stato di emergenza sulla violenza contro le donne»
 

Ultimo aggiornamento: 17:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA