Sempre più donne studiano il Talmud, fino a poco tempo fa la lettura era riservata solo agli uomini

Domenica 12 Gennaio 2020

Sempre più donne studiano il Talmud. Oltre tremila donne da tutta Israele si sono riunite a Gerusalemme la scorsa settimana per lo “Sium HaShas”, la conclusione del ciclo di studio che prende in esame ogni giorno una pagina del Talmud Babilonese. Un tempo lo studio talmudico era soprattutto terreno maschile, oggi non è più così.

 Frutto dell’intuizione del rabbino Meir Shapiro (1887-1933), importante figura nel mondo ebraico del secolo scorso, la maratona di lettura delle pagine sacre ha registrato nel suo tredicesimo ciclo una significativa novità, la marcata declinazione al femminile di un’iniziativa che, proseguita anche nei momenti più bui del Novecento, si è sviluppata nell’arco di 2711 giornate.

Promosso dall’organizzazione Hadran, l’evento ha rappresentato il culmine di un percorso che è stato condotto sia in aule di studio che a distanza, anche attraverso le moderne possibilità offerte dalla tecnologia di cui la stessa organizzazione si è avvalsa.

Ci vogliono praticamente sette anni, al ritmo di una pagina al giorno, per concludere la lettura dell’intero Talmud. E proprio con questo passo, lento ma costante, che procede il programma Daf Yomi. L’obiettivo sin dall'origine era quello di riunire con cadenza quotidiana gli ebrei di tutto il mondo nello studio della medesima pagina talmudica diffondendo così i fondamenti del pensiero ebraico e consentendo anche ai meno istruiti la possibilità di completare le 2711 pagine. Da allora i cicli di lettura si sono susseguiti fino a giungere a quello che si è appena concluso.

Ultimo aggiornamento: 13 Gennaio, 19:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA