Intimidazione ai Carabinieri del Parco del Circeo, indagati padre e figlio

Martedì 17 Settembre 2019 di Giovanni Del Giaccio
Una delle taniche lasciate presso gli uffici del Parco
Ci sono due indagati per l’intimidazione ai Carabinieri forestali al Parco nazionale del Circeo. Sono padre e figlio, il primo si è fatto ascoltare dagli investigatori e ha fornito la propria versione dei fatti cercando - per il poco che si è appreso - di scagionare il secondo.

Giovanni Scavazza, 67 anni, di Sabaudia, è accusato insieme a Nicolò di 36, di concorso in minacce e incendio. La vicenda è quella del liquido infiammabile sparso il 24 giugno intorno agli uffici del Parco Nazionale del Circeo, con il successivo ritrovamento anche di una busta con proiettili indirizzata al comandante della stazione carabinieri forestali, Alessandro Rossi.

La decisione di farsi interrogare è scaturita dopo la pubblicazione della notizia delle impronte che erano state isolate dai militari del reparto investigazioni scientifiche dell’Arma. A quanto sembra l’incendio - non riuscito - e l’avvertimento al maresciallo sarebbero legati a controlli effettuati dai militari nei confronti dell’attività gestita dal figlio dell’uomo che ieri è stato sentito in Procura, assistito dai suoi avvocati. Un tentativo, maldestro, di far sparire delle tracce. Si tratta di un’ipotesi, però, e non vengono forniti ulteriori elementi sull’indagine della Procura di Latina. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma