Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Barriere architettoniche, Formia presenta il piano per eliminarle

Barriere architettoniche, Formia presenta il piano per eliminarle
2 Minuti di Lettura
Venerdì 6 Dicembre 2019, 12:07

Formia presenta il piano per l'eliminazione delle barriere architettoniche «Rispettando quanto l’Amministrazione si era prefissata con la Delibera di Giunta Comunale n. 243 del 19 agosto 2019 è con grande soddisfazione - dice l’assessore all’Urbanistica, l'ingegnere Paolo Mazza - ha messo in programma un incontro pubblico per martedì 10 dicembre alle ore 18.00 presso la Sala Ribaud dove verrà presentato il primo Piano di Eliminazione delle Barriere architettoniche più facilmente individuato con l’acronimo P.E.B.A.».

Il piano è «redatto su una porzione di territorio (una sorta di progetto pilota) su cui programmare e prendere atto di interventi mirati e circoscritti - e pertanto maggiormente idonei a conseguire in concreto i singoli obiettivi - che progressivamente, andranno a comporre il P.E.B.A. da estendere, nel tempo, all’intero territorio comunale». 

All’incontro parteciperanno i tecnici incaricati di redigere il Piano allo scopo di illustrarne i contenuti e raccogliere relativi contributi, in primis da parte dei componenti della Consulta comunale permanente per le politiche a favore delle persone disabili, oltre che aperto al contributo di tutti coloro che vorranno partecipare e portare il proprio apporto sia fattivo che semplicemente informativo, dalle forze politiche, alle associazioni, ai privati cittadini.

«Obiettivo comune e, specificatamente del promosso dibattito pubblico, è l’adozione finalmente di un atto pianificatorio del territorio per le politiche a favore della disabilità - spiegano dal Comune - che si concretizzerà attraverso un percorso partecipativo dal basso, che il Comune di Formia finalmente rende attuabile come atto dovuto, più per dovere civile che normativo, considerando che l’obbligo normativo di redazione dei PEBA è un obbligo che risale a circa trenta anni fa e pochi comuni sono stati conseguenti; il Comune di Formia ora sarà fra questi pochi virtuosi comuni della Regione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA