Variante Delta, per ora il Green Pass italiano non cambia: per averlo basta una sola dose di vaccino

Variante Delta, per ora il Green Pass italiano non cambia: basta una sola dose di vaccino
di Diodato Pirone
4 Minuti di Lettura
Martedì 29 Giugno 2021, 18:13 - Ultimo aggiornamento: 21:08

Per il momento per il rilascio della Green Pass non cambia nulla: continua ad essere rilasciata - per gli usi previsti in Italia - dopo una sola dose. Dal primo luglio sarà scaricabile la Green Pass europea che invece arriva a qualche giorno di distanza dalla seconda dose. Con la Green Card Europea si potrà viaggiare in tutta Europa. Vale la pena ricordare che la Green Card viene rilasciata anche a chi fa un tampone  (ma vale solo 48 o 72 ore) e a chi ha avuto il Covid e ne è uscito con gli anti-corpi.

Green Pass, come viaggiare in Spagna, Grecia, Francia, Gb e Croazia? Regole diverse, la guida

Green pass italiano non cambia

«Il rilascio della Green Card italiana dopo la prima dose non è un errore - ha detto ieri il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri - Le cose potrebbero cambiare se la viariante Delta dovesse diffondersi in maniera massiccia ma per prendere una decisione serve tempo e occorre studiare l'evoluzione della pandemia».Dunque per il momento non cambia nulla. E le 13.700.000 scaricate fino a ieri dagli italiani continuano ad essere perfettamente regolari.

Vacanze in Croazia, le regole per viaggiare: per il green pass basta una dose

Vacanze in Spagna, le regole per viaggiare: dal green pass (europeo) al modulo da compilare prima dell’arrivo

​Vacanze in Grecia, le regole per viaggiare: dal green pass (europeo) ai tamponi fino alle isole Covid free

Il Green pass europeo

Quanto al Green Pass europeo che scatterà dal primo liuglio va detto che finora sono 20 i paesi dell'Unione Europea connessi alla piattaforma digitale.  Non sono ancora presenti nella lista:  Cipro, Ungheria, Irlanda, Malta, Olanda, Romania e Svezia. Il Green Pass europeo verrà rilasciato in formato digitale o cartaceo, con QR Code e firma digitale, scritto sia nella lingua nazionale che in inglese e valido in tutti i Paesi dell’Ue. Potranno accedervi le persone vaccinate (a partire dal 14esimo giorno dopo la seconda dose di vaccino, o dalla monodose di Johnson&Johnson). Ma anche i guariti dal Covid-19 negli ultimi 6 mesi, e le persone in possesso del referto negativo a un test antigenico o molecolare, effettuato 48 ore prima del viaggio. La certificazione durerà 9 mesi per i vaccinati, 6 mesi per i guariti dal Covid. Per chi si sottoporrà a tampone molecolare, il documento sarà valido per 72 ore, mentre per chi svolgerà un test antigenico il pass avrà una validità di 48 ore. Chi non ha dimestichezza con gli strumenti digitali può farselo scaricare in forma cartacea dal proprio medico di famiglia oppure da ual farmacista. È importante avere con se la tessera sanitaria e - chi ce l'ha - il codice Spid.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA