Vacanze in Croazia, le regole per viaggiare: per il green pass basta una dose

Vacanze in Croazia, le regole per viaggiare: per il green pass basta una dose
3 Minuti di Lettura
Martedì 29 Giugno 2021, 16:28 - Ultimo aggiornamento: 1 Luglio, 15:00

Zagabria, Dubrovnik, Spalato e Zara. La Croazia è ricca di posti che possono essere raggiunti facilmente dall'Italia. Con voli low cost – anche se adesso molte compagnie aeree hanno aumentato le spese accessorie – oppure con i traghetti: ma anche aliscafi veloci. Diverse possibilità che attirano i turisti, anche perché con le temperature alte i contagi (e la diffusione del virus) sembrano diminuire. Ma per partire ci sono alcune novità. A partire dal Green pass europeo, la certificazione verde che consente di muoversi in sicurezza in tutto il territorio europeo. E la Croazia, dal 2003, fa parte dell'Ue. A differenza dei vicini Montenegro e Albania.

Green Pass, come viaggiare in Spagna, Grecia, Francia, Gb e Croazia? Regole diverse, la guida

Vacanze in Croazia, le regole per viaggiare

Per la Croazia si fissa il primo luglio come data possibile (meglio verificare prima di partire) di riconoscimento del Green pass. Le regole però sono differenti rispetto ad altri Paesi europei. Si legge sul sito della Ue: la prova della vaccinazione vale «14 giorni dopo la seconda dose, o 14 giorni dopo la prima dose se il vaccino è somministrato in una singola dose (Johnson &Johnson); tra 22 e 42 giorni dalla prima dose di vaccino Pfizer, Moderna o Gamaleya; tra 22 e 84 giorni dalla prima dose di vaccino AstraZeneca». In sintesi, la Croazia si accontenta della prima dose. Per chi invece non è ancora vaccinato, servono il certificato che attesti il superamento dell’infezione o l’esito negativo del tampone antigenico o molecolare. 

​Vacanze in Grecia, le regole per viaggiare: dal green pass (europeo) ai tamponi fino alle isole Covid free

Vacanze in Spagna, le regole per viaggiare: dal green pass (europeo) al modulo da compilare prima dell’arrivo

Variante Delta, per 3 giovani su 5 vacanze senza vaccino. Figliuolo: «In discoteca siate responsabili»

Primi casi di variante Delta sulla costa

Anche in Croazia sono stati registrati i primi casi della variante Delta del coronavirus, finora 26 in totale, in particolare sulla costa. Lo ha reso noto il Centro epidemiologico nazionale. La gran parte dei casi, 19, sono stati individuati nella regione di Šibenik (Sebenico), nella Dalmazia centrale. La situazione epidemiologica in Croazia è migliorata notevolmente nelle ultime settimane, ma preoccupa il calo dell'interesse per la vaccinazione.

Variante Delta, a Maiorca 850 ragazzi contagiati e 3.000 in quarantena. Maxi focolaio dopo gite in barca e feste

Il punto sui vaccini in Croazia

In Croazia ha ricevuto le due dosi il 17 per cento della popolazione, mentre con almeno una dose è stato vaccinato il 34 per cento, molto al di sotto delle aspettative del governo che sperava di vedere vaccinata la metà della popolazione adulta entro la fine di giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA