Ponza, pediatri cercasi. «Senza cure 400 bambini»: ecco quanto sarebbe lo stipendio

Nessuno specialista vuole trasferirsi nell’isola tanto amata dai vacanzieri

Ponza, pediatra cercasi. «Senza cure 400 bambini»
di Rita Cammarone e Monica Forlivesi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Dicembre 2021, 22:31 - Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre, 07:07

Isole Pontine snobbate dai pediatri, anche a fronte di una doppia indennità stanziata dalla Regione Lazio per convincere uno specialista a imbarcarsi sull’aliscafo e visitare i bambini di Ponza e Ventotene. Nulla da fare. Eppure, non si tratta di pochi spiccioli: 1.200 euro al mese come base, ai quali vanno aggiunti 8 euro per ogni paziente che consentono facilmente di superare i quattro mila euro al mese. Ma né lo stipendio né il fatto di trovarsi in una delle mete turistiche più amate da italiani e non solo, convince i medici a sbarcare sulle isole prese d’assalto nel periodo estivo. Mete predilette dei romani, nella bella stagione diventano una seconda casa per intere famiglie che in caso di necessità possono fare affidamento solo sul poliambulatorio aperto sì 24 ore 24 ma senza pediatra. «C’è gente che se avesse la possibilità abbandonerebbe tutto per trasferirsi qui, in questo paradiso. Ma finora non abbiamo trovato un pediatra, neanche super pagato, disposto a trasferirsi», commenta l’assessore comunale alla Sanità, Gennaro Di Fazio, primario di Rianimazione all’ospedale di Formia. «Solo Ponza – aggiunge - con 3.300 residenti, conta 400 bimbi, e questo significa che un pediatra otterrebbe uno stipendio di 4.400 euro al mese».

Terza dose Lazio, mappa degli hub: dove vaccinarsi e come prenotare (anche per i bambini)

Sulle isole un pediatra non c’è mai stato, ma la necessità è sempre più impellente, soprattutto in questo periodo in cui ci si prepara alla vaccinazione anti-Covid dei piccoli e durante la stagione estiva quando l’isola è super affollata e i turisti hanno necessità di sapere che in caso di bisogno i loro bambini possono essere curati da uno specialista. «Due anni fa la Regione Lazio ci è venuta incontro – spiega Di Fazio – raddoppiando l’indennità. Ma al relativo avviso pubblico non sono seguite risposte: nessuna manifestazione d’interesse per ricoprire l’incarico di pediatra di libera scelta per le Isole Pontine. In passato una pediatra ha accettato ma ha subito rinunciato per motivi di famiglia e dopo un suo collega che purtroppo è andato via per problemi di salute. In questi giorni sto valutando un’opzione alternativa: c’è un pediatra di libera scelta a Minturno che sarebbe disponibile a venire a Ponza una volta a settimana. Ha già raggiunto il massimale e in teoria non potrebbe accettare altri pazienti, per questo stiamo cercando un accordo per una deroga e consentirgli di venire».

La carenza è stata segnalata anche dal Comune di Ventotene alla Asl di Latina e l’assessore alla Sanità, Francesco Carta, ha scritto un lungo documento che contiene tutte le richieste per la sicurezza sanitaria dell’isola. «Per tutte le prestazioni specialistiche, anche le meno impegnative – spiega - bisogna affrontare viaggi via mare e recarsi sulla costa. Non si può andare avanti così».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA