Maxi evasione: Kering-Gucci chiude il contenzioso col fisco e paga 1,25 miliardi

Giovedì 9 Maggio 2019
Gucci

Il gruppo Kering, titolare tra gli altri del marchio Gucci, ha definito oggi il suo contenzioso con l'Agenzia delle Entrate in Italia. «La definizione comporterà il pagamento di una maggiore imposta pari a 897 milioni di euro - spiega la società - oltre a sanzioni e interessi per un totale pari a 1,25 miliardi di euro».

Quello che è stato definito oggi da Kering con la Agenzia delle Entrate, grazie all'assistenza dello studio Maisto & Associati, è tecnicamente un accertamento con adesione. È la più alta conciliazione fiscale mai raggiunta tra una società e il fisco italiano. Il Fisco italiano aveva contestato un'evasione da 1,4 miliardi per aver omesso di dichiarare ricavi per 14,5 miliardi di Gucci (la principale delle Maison italiane possedute da Kering).

Le contestazioni erano mosse alla controllata svizzera Luxury Goods International (Lgi). Sulla base di una stima iniziale, aggiunge la nota del Gruppo francese «l'effetto di tale transazione sul bilancio consolidato di Kering del 2019 sarà pari a circa 600 milioni di euro di imposte addizionali sul conto economico e di circa 1.250 milioni di euro di flusso di cassa negativo sul rendiconto finanziario».

Ultimo aggiornamento: 20:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in campo per Sara tre anni dopo la tragedia

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma