Bolzano cancella l'Alto Adige. I sudtirolesi ora vogliono il referendum

Lunedì 14 Ottobre 2019
6
Bolzano cancella l'Altro Adige. Messner dice sì: «Ci sentiamo sudtirolesi, non altoatesini»

Le espressioni “altotesino” e “Alto-Adige” cancellate per sempre dal consiglio provinciale di Bolzano. Non, però, “Südtirol”. La polemica era già scritta. E infatti. Dopo l'annuncio di Francesco Boccia, ministro per gli affari regionali e le autonomie, di impugnare il provvedimento, si levano altri commenti da varie fronde del mondo politico. Gianclaudio Bressa, sottosegretario per gli affari regionali, spalleggia Boccia, affermando che: «È una cosa contro la Costituzione, perché i nomi delle regioni sono scritti nell'articolo 131 della Costituzione. Per cambiare legge devi fare una legge costituzionale. Il ministro Boccia ha detto che impugnerà la legge e ha fatto benissimo a dirlo». Ma Arno Kompatscher, presidente della Provincia di Bolzano, assicura che si tratta di un equivoco.

LEGGI ANCHE Alto Adige, Bolzano cancella il termine e conserva Sudtirolo. Boccia minaccia di impugnare la legge

Messner: io sudtirolese. «Hanno ragione perché noi stessi decidiamo, perché ci sentiamo sudtirolesi». Così  Reinhold Messner, commentando la decisione dal Consiglio provinciale di Bolzano. «Io sono sudtirolese e non sono un altoatesino, molto semplice. Sono europeo, sono cittadino del mondo e sudtirolese. Però non si può vietare che un altro si senta altoatesino - continua Messner - non sarà vietato il sentimento del Sudtirolo e i tre quarti dei sudtirolesi non si sentono tali. Il nostro paese si chiama Sudtirolo e non Alto Adige, questo è stata un'invenzione di De Gasperi di tanti anni fa».

 


Tra chi fa eco ai commenti di Palazzo Cornaro, la senatrice Julia Unterberger, spiega che il via libera alla riforma del SVP, il Südtiroler Volkspartei, è una svista da rimediare: «La Svp non si è resa conto e ha aderito a questo emendamento, ma nella Costituzione è scritto Trentino-Alto Adige/Südtirol e così deve rimanere». 
Nessun passo indietro invece dalla consigliera del Süd-Tiroler Freiheit Myriam Atz Tammerle, la promotrice della modifica di legge.  «Abbiamo chiesto e ottenuto la cancellazione della parola Alto Adige, perché semplicemente quella parola non esiste, su base provinciale esiste la provincia di Bolzano e così abbiamo scritto». Dopo la bufera, con il ministro Boccia che ha promesso che impugnerà la legge, la Tammerle, non nasconde la mano: «L'Alto Adige è una invenzione di Ettore Tolomei, personaggio del fascismo, che ha cancellato tutti i nomi geografici nel sud Tirolo e anche i nomi tedeschi, dopo l'annessione della nostra provincia, facendo piazza pulita di tutti i simboli del Tirolo». «Noi - avverte - portiamo avanti i diritti dei sudtirolesi di madrelingua ladina e tedesca». Per poi spiegare che servirebbe «un referendum: esiste il diritto alla autodeterminazione dei popoli e i sudtirolesi non hanno mai potuto decidere se essere cittadini italiani o no» perché «ci hanno venduto all'Italia e fino a a oggi non abbiamo potuto decidere se restare in Italia o dire a Roma arrivederci e grazie». 

Fratelli d'Italia intanto annuncia il deposito di una richiesta di interrogazione urgente per fare piena luce sui fatti e informa che chiederà al Governo di impugnare la legge «vergognosa» che «in un solo colpo intende calpestare la nostra storia e la nostra Costituzione». «Bene ha fatto il ministro Boccia ad annunciare azioni in tal senso», dichiara Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera, «ma alle parole seguano fatti concreti e immediati. Basta con le aggressioni secessioniste della Svp!».

LEGGI ANCHE Svp, insulta una consigliera provinciale Condannato a un mese di lavori agricoli

Se da parte di molti abitanti della regione, sentirsi sudtirolesi e non altotesini è una realtà dai tempi di De Gasperi, rimanendo strettamente sul piano politico c'è chi avverte: occhio alla fake news. Questa la posizione di Maurizio Bosatraresponsabile regionale della Lega in Trentino-Alto Adige, che, senza entrare nello specifico, si limita a dire: «È una fake news, chiamate la provincia di Bolzano e fatevi mandare il documento». Commento di non poco conto, siccome la legge sarebbe stata votata anche dalla Lega. Il presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher spiega che si tratterebbe di un equivoco. «La denominazione Alto Adige non è stata abolita. Va ricordato che non sarebbe neanche possibile, visto che la denominazione della Regione Trentino Alto Adige Suedtirol è sancita dalla Costituzione. L'emendamento», spiega, «riguardava semplicemente un comma della legge omnibus, nel quale la denominazione Alto Adige è stata sostituita con quella di Provincia di Bolzano». «Il dibattito», prosegue Kompatscher, «riguarda il fatto che la dizione tedesca Suedtirol non è stata modificata. Giustamente, va detto, è stato evidenziato che di conseguenza anche in tedesco andrebbe scritto Provinz Bozen. Così però non è stato fatto». Il presidente della Provincia autonoma ribadisce che «per il futuro si deve procedere unitamente. La questione della toponomastica comunque può essere trattata in dialogo e comune accordo, tenendo conto delle sensibilità di tutti i gruppi linguistici presenti sul nostro territorio».


 

Ultimo aggiornamento: 17:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma