Oltre 250 chihuahua sequestrati: ad alcuni avevano reciso le corde vocali

Venerdì 24 Gennaio 2020 di Remo Sabatini
2
Oltre 250 chihuahua sequestrati: ad alcuni avevano reciso le corde vocali

Lo spettacolo che si sono trovati di fronte gli agenti della polizia spagnola intervenuti è stato agghiacciante. Centinaia di piccoli chihuahua e pomerania, due specie canine molto amate e richieste, erano stipati dentro gabbie piccolissime ammassate l'una sull'altra dentro dei capannoni e in condizioni igenico-sanitarie pessime. Uno a Meco e l'altro a Arganda del Rey, località della comunità autonoma di Madrid, gli allevamenti clandestini sono stati scoperti dopo le indagini seguite ad alcune denunce. Sporchi e terrorizzati, i poveri cagnolini sembravano disperati.  Ma non è tutto, perchè, oltre ad alcuni esemplari cui erano state recise persino le corde vocali così che non potessero far troppo rumore e insospettire il vicinato, sono stati trovati dei cuccioli morti all'interno di congelatori.

LEGGI ANCHE --> Cane abbaia troppo, il padrone 21enne lo uccide a bastonate a Cagliari. La mamma lo denuncia

Così, quei poveri animali, in attesa di essere venduti, venivano usati per la riproduzione che alimentava un traffico illecito di cuccioli che, stando agli inquirenti, arrivava ben oltre i confini nazionali. Un giro d'affari che, secondo quanto riportato da El Pais, era arrivato a superare i due milioni di euro. Ogni esemplare, qualcuno dei quali addirittura provvisto di pedigree, era venduto a prezzi che oscillavano dai mille ai tremila euro. A seguito dell'intervento, la polizia ha arrestato 5 persone. Tra queste, due sono veterinari. Per tutti, le accuse sono di maltrattamento, produzione di documentazioni false, traffico illecito e abuso. I cani sequestrati, in attesa di ulteriori sviluppi, sono stati affidati a diverse associazioni animaliste che li terranno in custodia in attesa dell'esito giudiziario.

Ultimo aggiornamento: 25 Gennaio, 14:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua