Rally Terra di Argil, ciociari sugli scudi: vince la coppia D’Avelli-Pizzuti

Rally Terra di Argil, ciociari sugli scudi: vince la coppia D’Avelli-Pizzuti
3 Minuti di Lettura
Domenica 13 Giugno 2021, 21:49 - Ultimo aggiornamento: 21:55

Vittoria del ceccanese Gianni D’Avelli in coppia con Mario Pizzuti su Skoda Fabia R5 nell’8° Rally Terra di Argil, valido quale terza prova del campionato rally 7° Zona a massimo coefficiente disputatosi ieri sulle strade di Pofi e Castro dei Volsci.

Il ceccanese ha preceduto il pontecorvese Carmine Tribuzio in coppia con Fabiano Cipriani (anche loro su Skoda Fabia), mentre sul terzo gradino del podio sono saliti il salernitano Gianluca D’Alto in coppia con Paolo Francescucci (Volkswagen Polo). “Siamo partiti subito bene trovando la giusta confidenza con la nostra vettura segno che i tre anni di assenza dalle gare non mi avevano arrugginito” ha commentato il veloce pilota-meccanico di Ceccano, veramente velocissimo per tutta la durata della gara.

Alle sue spalle lo stesso Carmine Tribuzio, che consolida il primato nella classifica di zona, è rimasto sorpreso dall’inizio gara di D’Avelli: “Sapevo delle sue qualità ma non mi aspettavo un D’Avelli così veloce fin da subito. Complimenti a lui è stato veramente bravissimo” ha commentato il pilota di Pontecorvo che, nella penultima prova speciale è rimasto coinvolto in un testa coda mentre stava profondendo il massimo sforzo per attaccare la leadership di D’Avelli. Al debutto sulla Polo R5 il salernitano Gianluca D’Alto ha impostato la sua gara sulla regolarità controllando alle sue spalle il veterano Francesco Laganà, quarto assoluto in coppia con Maurizio Messina anche loro al via con una vettura tedesca. “Gianluca era al debutto con questa vettura e siamo molto soddisfatti del podio conquistato in una gara molto tirata ed impegnativa come questa” ha commentato il copilota ciociaro, Paolo Francescucci sul palco d’arrivo.

La “top five” è stata completata dai locali Giannetti-Roma (Mitsubishi-Evo X) vincitori nella classifica del gruppo N. D’Avelli si è imposto in quattro delle sei prove speciali della gara organizzata dalla ASD Rally Game di Pofi, con il patrocinio della locale amministrazione comunale, lasciando a Tribuzio l’affermazione nella seconda e nella sesta ed ultima prova. La gara si è svolta regolarmente mettendo a dura prova equipaggi e mezzi. Da segnalare nel corso della prima prova speciale l’incidente dell’equipaggio formato da Trotta-Lepore. La gara è proseguita regolarmente portando al traguardo 62 degli 88 equipaggi al via, cifra di partenti record per i rally di zona da qualche anno a questa parte.

Al. Bi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA