Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Frosinone, l'ex Ottaviani: «È stato premiato il nostro metodo»

Frosinone, l'ex Ottaviani: «È stato premiato il nostro metodo»
2 Minuti di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 10:18 - Ultimo aggiornamento: 17:47

«Con l’elezione di Riccardo Mastrangeli a sindaco del comune di Frosinone vince non soltanto il centrodestra, ma un diverso metodo di intendere la politica e l’amministrazione, confermando il progresso e lo sviluppo del capoluogo, in ogni campo, acquisito nel corso degli ultimi 10 anni». Sono le parole dell’ormai ex sindaco, Nicola Ottaviani, acclamatissimo ed emozionato la notte tra domenica e ieri all’arrivo al comitato di Riccardo Mastrangeli.
«Queste elezioni sono state caratterizzate da una inutile e deleteria campagna acquisti, iniziata qualche anno fa, quando qualcuno, all’interno del Pd, aveva pensato di acquisire un gruppo dell’allora maggioranza, attraverso la nomina all’Asp di un loro rappresentante, come se la politica ruotasse attorno agli incarichi e non ai progetti. Il voto di domenica ha rappresentato la conferma della maturità dell’elettorato - aggiunge Ottaviani - che ha riconosciuto la validità di dieci anni di buona amministrazione che hanno cambiato il volto urbanistico, culturale e ambientale della città di Frosinone, malgrado il tentativo di fuorviare i nostri cittadini con comizi improvvisati da parte di Zingaretti e Gualtieri, sorpresi dal non trovare più quel retroterra di 15 o 20 anni fa, da letteratura cinematografica».
Ancora: «Il sistema di potere, costituito da nomine e prebende attorno a pochi privilegiati del Pd, non funziona più e, anzi, si è rivelato un boomerang per tutta la sinistra. La forza della nostra coalizione è derivata anche dalla scelta delle primarie, in alternativa ai soliti riti di spartizioni di pani e di pesci, che fanno parte della preistoria della democrazia. Per i prossimi giorni non ci sarà tempo da perdere, anche perché stanno andando avanti le procedure di gara per i nuovi Piloni, la piazza a largo Turriziani e la variante Casilina, ove si vedranno, a breve, le aperture di cantieri. Anche durante la campagna elettorale, non abbiamo speso tempo in chiacchiere, dando continuità all’azione amministrativa, senza sosta, allo scopo di recuperare i tempi dilatati a seguito della pandemia, ricevendo una enorme gratificazione da parte dell’elettorato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA