Covid Frosinone, rientro in aula rinviato in 10 Comuni. Il capoluogo attende una mossa del Governo

Covid Frosinone, rientro in aula rinviato in 10 Comuni. Il capoluogo attende una mossa del Governo
di Vincenzo Caramadre
4 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Gennaio 2022, 08:52 - Ultimo aggiornamento: 14:22

Le festività volgono al termine, ma per centinaia di studenti, a causa dell'impennata di contagi, non ci sarà il ritorno a scuola. Dieci sindaci della provincia di Frosinone hanno sospeso l'attività didattica in presenza e attivato la didattica a distanza fino al 15 gennaio. I comuni interessati dalla sospensione delle lezioni in presenza (almeno fino alla tarda serata di ieri), sono Sora, Anagni, Isola del Liri, Arpino, Broccostella, Fontechiari, Pescosolido, Posta Fibreno, Castelliri e Campoli Appennino.

«Abbiamo preso questa decisione in maniera collegiale visto l'alto numero di casi di Covid-19 sui nostri territori. Il ritorno a scuola, dopo le festività - ha dichiarato il sindaco do Sora, Luca Di Stefano - avrebbe rappresentato sicuramente un momento potenzialmente ad alto rischio».

Stessa decisione ad Anagni per le scuole dell'infanzia e primarie di primo e secondo grado. Per quanto riguarda invece le scuole superiori (che sono di competenza provinciale), Natalia ha annunciato l'intenzione di mettersi in contatto con i dirigenti scolastici degli istituti superiori, qualora volessero seguire quanto stabilito nell'ordinanza.

Prima Pagina di Italo Carmignani, 5 minuti tutti i giorni. Oggi 6 gennaio: obbligo vaccini, scuola, serie A

Sulla questione a scuola, il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani ha scritto al Governo e auspicato un intervento unitario. «Le indicazioni sulla curva dei contagi ha detto Ottaviani - non lasciano ben sperare per ciò che potrà succedere dal 10 di gennaio in poi e, quindi, l'augurio è che per quella data il Governo emani uno specifico provvedimento, come già avvenuto in passato, che permetta ai sindaci di intervenire su tutto il territorio del proprio Comune. Diversamente, dal 10 gennaio in poi, si rischierebbe di alimentare soltanto l'ulteriore incertezza operativa, che oscilla tra l'interruzione del pubblico servizio dell'istruzione, da una parte, e l'omissione di provvedimenti adeguati e proporzionati alle criticità sanitarie, dall'altra».

A Veroli, invece, il Comune offre tamponi gratuiti a tutti gli alunni dell'Infanzia e della Primaria e agli scolari della Media ed è già boom di prenotazioni che, su base volontaria, possono essere effettuata entro le ore 15 di venerdì 7 gennaio. Gli esami verranno eseguiti sabato 8 e domenica 9 gennaio.

L'ultimo bollettino della Asl

Nel frattempo la pandemia non molla la Ciociaria: ieri su 6.317 tamponi molecolari sono stati registrati 959 positivi. Occhi puntati ancora su Frosinone, dove ieri ci sono stati altri 127 casi. Segue Sora con 95; Alatri 76; Veroli 51; Ferentino 41; Cassino 37; Anagni 31; Isola del Liri 29; Monte San Giovanni Campano 26; Pontecorvo 25; Arpino 22; Ceccano 19; Boville Ernica 18; Ripi e Vallecorsa 17; Fiuggi 16; Ceprano, Piglio e Roccasecca 16; Paliano 14; Castelliri 13; Serrone e Torrice 12; Broccostella e Castrocielo 10. C'è stata anche un'altra vittima, la nona nei primi cinque giorni del 2022: si tratta di una donna di 85 anni residente a Cassino con patologie pregresse.
 

Il farmaco anti-Covid allo "Spaziani"

Il farmaco Lagevrio (molnupiravir) è il nuovo strumento terapeutico a disposizione della sanità per combattere il Covid 19. E’ un trattamento orale che l’assistito potrà somministrarsi a domicilio. La terapia ha una durata di soli 5 giorni, e prevede l’assunzione, due volte al giorno di quattro capsule.

L’Asl di Frosinone, attraverso la UOC Farmacia, si è organizzata individuando nello stesso centro per la somministrazione delle terapie con anticorpi monoclonali (Malattie Infettive, al secondo piano della Palazzina Q con accesso dallo stesso percorso di sicurezza), l’arruolamento e la consegna del farmaco ai pazienti.

Saranno i Medici di Medicina Generale, le Uscar o i Pronto Soccorso ad individuare le persone bisognose del trattamento con il Lagevrio che saranno ricevute, previo appuntamento, presso il centro tutti i giorni dalle 12 alle 14.

I pazienti che potranno accedere a queste cure dovranno essere Covid positivi, con sintomi lievi, di età superiore ai 18 anni e avere almeno uno dei seguenti fattori di rischio: patologia oncologico o oncoematologia in fase attiva; Insufficienza renale cronica non in trattamento dialitico; broncopneumopatia severa; Immunodeficienza primaria o acquisita; obesità; malattia cardiovascolare grave; diabete mellito non compensato.

La somministrazione del farmaco deve avvenire entro 5 giorni dell’insorgenza dei sintomi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA