Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bimba colpita nell'auto in corsa, le condizioni restano disperate. Carabinieri sulle tracce del trattore

Un momento dei soccorsi per l'incidente di Atina
di Roberta Pugliesi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Giugno 2022, 07:26

Restano gravissime le condizioni della piccola Giulia, la bimba di sei anni colpita al capo da un trattore mentre era affacciata dal finestrino dell'auto in corsa. Ieri i medici del Policlinico Gemelli di Roma - che da sabato sera stanno tentando di strappare alla morte la bimba che ha riportato un profondo trauma cranico - pare abbiano interrotto il coma farmacologico indotto dopo l'intervento chirurgico alla testa. Purtroppo, però, la piccola Giulia sembra non rispondere alle cure come sperato.

Sul fronte delle indagini per ricostruire l'accaduto e rintracciare il conducente del trattore - allo scopo di accertare eventuali responsabilità e capire la dinamica del sinistro - c'è cauto ottimismo. Gli accertamenti ed i riscontri sull'incidente occorso alla bimba di Ponte Melfa continuano. I carabinieri del capitano Giuseppe Scolaro stanno ricostruendo in queste ore gli eventi in modo rigoroso per non lasciare alcuno spazio vuoto, incrociando i dati emersi dalla visione delle telecamere con testimonianze e riscontri oggettivi.

Per capire cosa sia accaduto sabato sera nella frazione di Ponte Melfa, quando la piccola Giulia era in auto con mamma, papà, fratellino e nonna, si stanno visionando infatti le telecamere di videosorveglianza poste nella zona che potrebbero aver ripreso il passaggio del trattore intorno alle 21 di quella sera. Non sarebbero stati predisposti atti d'urgenza. È plausibile, quindi, che nei prossimi giorni verrà depositata l'informativa dei carabinieri in Procura.

La piccola Giulia oggi è al quarto giorno di terapia intensiva pediatrica. Per lei il paese e l'intero territorio sono uniti in preghiera e sui social network è stato lanciato l'hastag #forzagiulia, una testimonianza di affetto e vicinanza ai genitori in un momento di grande preoccupazioni ma anche di speranza. Proseguono anche le iniziative per raccogliere fondi allo scopo di aiutare i genitori nelle spese che stanno sostenendo in questi giorni nella Capitale.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA