Così nasce la Superpopolare dalla Sondrio alla Agricola Ragusa. Leggi il documento

Giovedì 21 Febbraio 2019 di Rosario Dimito

Accentramento nella capogruppo delle attività di coordinamento e controllo. Rivisitazione significativa dei processi di governance anche per facilitare il potenziale ingresso di nuovi investitori nel capitale della Holding. Non è previsto il diritto di recesso per i soci attuali delle popolari.

LEGGI IL DOCUMENTO

Nelle 38 pagine del piano "Banche popolari - potenziali opzioni strategiche", vengono delineati due percorsi alternativi per creare un maxi-polo da 185,9 miliardi di massi gestite, 1.441 sportelli mettendo insieme 17 banche popolari italiane: dalla Sondrio, l'unica quotata (e che sarebbe la meno interessata all'aggregazione) fino alla Banca agricola di Ragusa, istituto che ha un Cet1 doppio rispetto a quello di Intesa Sp ma ha anche un rapporto tra crediti deteriorati e impieghi (Npe ratio) tra i più alti del sistema.I due percorsi prevedono la creazione di una o più Holding cooperative, fusione delle singole banche nella/e Holding e successivo scorporo delle banche reti in forma spa controllate al 100% dalla Holding. Oppure la creazione di una Spa di nuova costituzone - da identificare tra le banche popolari - e conferimento dei rami d'azienda bancari delle banche alla nuova Spa.

Questo in breve il progetto, che Il Messaggero.it è in grado di pubblicare nella sua versione integrale, su cui c'è la forte moral suasion di Bankitalia che ha partecipato al vertice di mercoledì 6 febbraio a Roma, sotto il patrocinio di Assopopolari e l'ausilio tecnico di Kpmg.

Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio, 08:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA