Olimpiadi di Tokyo, le donne salvano l'Italia del pugilato: 4 boxeuse qualificate e nessun pugile

Olimpiadi di Tokyo, le donne salvano l'Italia del pugilato: 4 boxeuse qualificate e nessun pugile
3 Minuti di Lettura

L'Italia della boxe alle Olimpiadi di Tokyo 2020 sarà presente con tre donne. Nessun uomo è riuscito a ottenere la qualificazione. Giordana, Angela e Irma e sono le tre boxeuse che hanno salvato l’Italia del pugilato da un clamoroso flop del movimento nazionale. Giordana Sorrentino, Angela Carini ed Irma Testa saranno a Tokyo per affrontare nelle rispettive categorie (51, 69 e 57 chilogrammi) il torneo olimpico. A loro si è aggiunta Rebecca Nicoli nella categoria 60 kg che ha battuto ha battuto nello spareggio di accesso per il passo olimpico la greca Nikoleta Pita con verdetto unanime (5-0). Rebecca è la quarta azzurra a qualificarsi per Tokyo 2020 nel pugilato. 

La boxe italiana maschile non è riuscita a qualificare pugili in nessuna delle categorie (pesi). Fatto mai accaduto in 101 anni. Il campano Abbes Aziz Mohuiidine è stato infatti eliminato al torneo di qualificazione olimpica di Parigi.  L'ultima speranza di portare un pugile azzurro a Tokyo è legata al possibile ripescaggio di Salvatore Cavallaro (cat.75 kg) che ha buone chances, essendo, in base al ranking, il terzo degli europei nella sua categoria. I ripescati col ranking verranno resi noti a inizio luglio. Se non dovesse esserci il ripescaggio sarebbe la prima volta per l'Italia ai Giochi senza pugili uomini.

Boxe, Irma Testa: «Sul ring si può allenare l'anima. A Tokyo punto a una medaglia»

Pugilato, Irma Testa tra le 100 donne più influenti seconda Forbes Italia

LE MEDAGLIE

Nel medagliere a cinque cerchi il movimento azzurro è quarto con 47 medaglie, ricorda l'Agi, 15 d’oro e altrettante d’argento. Davanti solo Usa con 114 medaglie (50 d’oro), Cuba con 73 (37) e Gran Bretagna con 56.  L’edizione con più pugili italiani presenti, ben 16, quella di Parigi 1924, quella con meno, 4, atleti quella di Mosca 1980. Da quell’edizione di quasi 41 anni fa, l’Italia del pugilato era sempre presente con almeno 5 pugili (massimo 7 a Londra 2012 e Rio 2016).

L’edizione con più medaglie per l’Italia quella di Roma ‘60 con sette medaglie, tre ori, tre argenti e un bronzo.  L’ultimo oro olimpico conquistato da un azzurro risale a Pechino 2008 da Cammarelle nei pesi supermassimi. In Cina argento anche per Clemente Russo e bronzo per Clemente Picardi. A Londra 2012 non arrivò il titolo olimpico ma Cammarelle fu argento nei supermassimi, Russo argento nei massimi e Mangiacapre nei superleggeri. Ora la boxe italiana può solo sperare nella qualificazione tramite ranking – eventualmente arriverà nei prossimi giorni - di Salvatore Cavallaro nei 75 kg. 

Lunedì 7 Giugno 2021, 16:16 - Ultimo aggiornamento: 20:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA