Marco Pasqua
ROMANITÀ di
Marco Pasqua

Coronavirus, quando il dj sale sul tetto del palazzo: è il set della speranza

Giovedì 19 Marzo 2020 di Marco Pasqua
Coronavirus, quando il dj sale sul tetto del palazzo: è il set della speranza
Emanuel abita al piano di sopra di Alberto. Il primo è uno studente, appassionato di musica, il secondo dj e producer. Abitano nella zona di piazza Bologna, si conoscevano, come si conoscono tanti vicini. Poi un giorno sono arrivati il Coronavirus, i divieti, e, soprattutto, la voglia di andare avanti, sperando di uscire prima possibile da questo tunnel. Un pomeriggio, così, Emanuel suona alla porta di Alberto: «Ho rimediato due classe amplificate», gli dice. «Partecipiamo al flashmob delle 18?», è l'invito al quale Alberto non vuole rinunciare. «Facciamo un po' di casino», scherza, ma neanche troppo.

Leggi anche:-> Coronavirus Roma, dai balconi suona "Ma il cielo è sempre più blu"

Il dj, quindi, “coinvolge” i suoi Cdj Pioneer “preistorici”, il suo mixer e la musica, per questo "set della speranza". Si parte con “Volare”, come da programma del giorno, ma poi si continua con variazioni, anche straniere, sul tema. La gente inizia a ballare, ci sono persino due persone avanti negli anni che si muovono nel palazzo di fonte. Un altro anziano si dimena su un terrazzo vicino e indica quando la musica è troppo bassa o troppo alta. «Intravediamo Intravediamo un po' di teste affacciate e c'è pure qualcuno della nostra palazzina che sale in terrazza per vedere cosa stiamo combinando, sempre a debita distanza», racconta Alberto sul suo profilo. «C'e chi saluta e chi ringrazia, ma siamo noi che ringraziamo», dice il dj. Arriva il tramonto e si chiude con la hit degli Swedish House Mafia: "Don't you worry child”. «Non preoccuparti bambino è il titolo di questa canzone e sono sicuro che andrà tutto bene – aggiunge - ma ci vorrà tanta pazienza». «Spegniamo tutto e si sente ancora tanta baldoria dagli altri balconi e dalle altre terrazze. Sorridiamo e guardando il tramonto tra me e me penso che sarà dura ma ce la faremo». Ultimo aggiornamento: 14:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA