Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tigre attacca e uccide una dipendente dello zoo di Zurigo

Tigre attacca e uccide dipendente dello zoo di Zurigo
2 Minuti di Lettura
Sabato 4 Luglio 2020, 19:17

Tragico incidente questo pomeriggio nel recinto delle tigri dello zoo di Zurigo: un felino ha attaccato e ucciso una persona. L'episodio è avvenuto attorno alle 13.30. In conferenza stampa, una portavoce della polizia ha reso noto che la vittima è una collaboratrice dello zoo che si occupava degli animali. Nonostante il rapido intervento, ogni tentativo di aiutarla è arrivato troppo tardi. La donna è morta sul posto. La tigre che ha sferrato l'attacco è ancora viva. Fino ad ora non aveva dato particolari segni di aggressività e si era sempre comportata normalmente, è stato spiegato.

​La tigre dello zoo cinese che cammina in cerchio per ore

Coronavirus, tigre positiva a New York: ospite dello zoo del Bronx, infettata da un uomo, è la prima al mondo. Leoni sotto osservazione


Diversi agenti erano entrati in azione e l'area dello zoo interessata era stata chiusa. Attualmente nella struttura sono presenti due esemplari adulti di tigre dell'Amur, o tigre siberiana: una femmina di cinque anni di nome Irina e un maschio di quattro anni e mezzo chiamato Sayan. Lo zoo di Zurigo è stato riaperto il 6 giugno dopo la chiusura dovuta all'epidemia da coronavirus. Ad avvisare i soccorritori è stato un visitatore dello zoo, che ha assistito alla scena. I motivi dell'aggressione non sono chiari e nemmeno le cause della presenza simultanea della donna e delle tigri nel recinto. La tigre responsabile dell'attacco sarebbe la femmina, che ha cinque anni e si chiama Irina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA