Coronavirus, animali "annoiati" al Bioparco: manca il pubblico

EMBED
di Marco Pasqua

La notizia della tigre positiva al Coronavirus, nello zoo del Bronx, è rimbalzata anche nella stanze di chi vigila, ogni giorno, sugli oltre 1200 animali del Bioparco. E che, però, non è allarmato. «Perché da noi, i grandi felini, le tigri, i leoni, i leopardi e le linci sono da sempre schermati con delle vetrate – spiega il presidente del Bioparco, Francesco Petretti – Questo significa che non c'è mai alcun tipo di contatto con il pubblico». Inoltre, tutti gli operatori devono usare guanti e mascherine: «E prima di entrare e dopo essere usciti da un'area un cui si trovano gli animali, le loro calzature vengono sottoposte a sanificazione», sottolinea Petretti. 

Continua a leggere





(Montaggio Agenzia Toiati)

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani