Elefantini strappati alle madri, incatenati e barbaramente addestrati per i turisti Video choc

Giovedì 25 Giugno 2020 di Remo Sabatini
Elefantini strappati alle madri, incatenati e barbaramente addestrati per i turisti (immagini e video pubblicati da World Animal Protection su Fb e You Tube)

Le immagini stanno facendo il giro del mondo, diffuse dall'organizzazione ambientalista World Animal Protection, documentano la crudele realtà dell'addestramento degli elefantini in Thailandia. Nel drammatico filmato, le fasi di quello che più che un addestramento, sembra una vera e propria tortura.

«L'orso che ha aggredito padre e figlio va abbattuto». Fugatti (Provincia di Trento): firmo l'ordinanza

Foca monaca, rarissimo esemplare avvistato a Capraia, scatta divieto di accesso alla baia

Gli elefantini infatti, come denunciato dalla Ong, vengono strappati alle loro madri in tenera età e subito incatenati così stretti da non riuscire nemmeno a muoversi, tanto lo spazio è angusto. A quel punto, mentre i cuccioli terrorizzati ancora piangono per la inconsolabile separazione dalla loro mamma, inizia quello che viene definito addestramento. E allora, giù botte e colpi sulle zone sensibili dei piccoli perchè possano imparare in fretta la lezione.

Operazioni senza cuore che si ripetono quotidianamente e che provocano traumi insanabili a quei cuccioli le cui urla, da anni, rimangono inascoltate. L'addestramento può durare mesi e rappresenta soltanto una parte di quel commercio mondiale di animali selvatici più volte denunciato dalle associazioni.

Una volta adulti, gli elefanti saranno finalmente pronti ad accogliere i turisti così che possano accompagnarli nella foresta e in giro per i villaggi. Grandi e grossi, eppure così mansueti, sembrano usciti da un libro di racconti d'altri tempi. Tanto che, con qualche centinaia di bath in più, ci si può fare anche il bagno nel fiume insieme. Immancabili, anche in quest'ultimo caso, le centinaia di foto di rito che saranno riprese per ricordare un'esperienza eccitante e assolutamente indimenticabile. Quasi uguale a quella vissuta dagli elefanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA