Stop ai maltrattamenti sul pangolino, non sarà più utilizzato dalla medicina cinese

Sabato 20 Giugno 2020

Il pangolino è un mammifero la cui caratteristica principale è quella di essere ricoperto di squame. Squame affilate che gli servono in caso di pericolo: come arma e come corazza in cui appallottolarsi quando è spaventato. La medicina cinese maltrattava questi animali per ricavare la cheratina dal loro rivestimento ma ora la Cina ha capito di aver sbagliato e ha interrotto questo processo brutale che porta all’estinzione. Le squame del pangolino sono state escluse dalla farmacopea cinese insieme ad altre sostanze, tra queste sono comprese le compresse contenti feci di pipistrello. Secondo alcuni scienziati il pangolino potrebbe aver fatto da intermediario nel passaggio dai pipistrelli agli esseri umani del Coronavirus. I primi casi di Covid-19 si sono inizialmente manifestati nella megalopoli cinese di Wuhan. Altri esperti hanno smentito la teoria ma al di là di questa rimane indiscutibili la violenza subita dal pangolino. Diciamo no al maltrattamento sugli animali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani