Thailandia, elefante sfonda il muro di una casa ed entra per cercare cibo: «Un rumore nella notte»

Elefante si schianta nella casa di una donna
5 Minuti di Lettura
Martedì 22 Giugno 2021, 16:48 - Ultimo aggiornamento: 18:20

Un visitatore inaspettato si è presentato a casa di una donna in Thailandia nel cuore della notte lo scorso fine settimana. L'ospite era un elefante asiatico selvatico. «Stavamo dormendo e ci siamo svegliati per via di un rumore proveniente dalla nostra cucina», ha detto Ratchadawan Puengprasoppon, una residente del distretto di Hua Hin, nella provincia occidentale di Prachuap Khiri Khan. «Così ci siamo precipitati al piano di sotto e abbiamo visto questo elefante infilare la testa nella nostra cucina dove il muro era rotto». Il suo muro infatti aveva già un buco da quando un elefante si era schiantato in casa sua il mese scorso. Il danno non era ancora stato riparato quando l'animale si è presentato nell'abitazione. I video girati da Ratchadawan mostrano l'elefante che allunga la proboscide per frugare dentro armadi e cassetti, rovesciando i piatti. Ad un certo punto raccoglie quello che sembra essere un sacchetto di plastica e se lo mette in bocca.

«Ho visto elefanti girovagare per la nostra città in cerca di cibo sin da quando ero giovane. - ha detto Ratchadawan- Ma questa è la prima volta che hanno effettivamente danneggiato la mia casa». La donna ha aggiunto che sabato non c'era cibo nella sua cucina quando è entrato l'elefante, ma che l'animale avrebbe potuto essere stato attirato dal sale immagazzinato all'interno.

L'elefante è entrato in cucina perché ha sentito l'odore del cibo, ha detto domenica in un post su Facebook il Dipartimento del Parco nazionale della fauna selvatica e della conservazione delle piante. «Gli elefanti sono erbivori, quindi hanno bisogno di minerali dal cibo salato, che è essenziale per i loro corpi. Cercherebbero di trovare qualsiasi minerale e su questo abbiamo istruito i residenti locali», ha detto il dipartimento. La casa di Ratchadawan potrebbe essere diventata un facie bersaglio perché posizionata vicino all'ingresso di un parco nazionale dove vivono gli elefanti, come ha chiarito Prateep Puywongtarn, un membro dello staff dell'organizzazione amministrativa del sottodistretto di Huay Sat Yai a Hua Hin. Incidenti simili accadono spesso nella zona.

L'ampliamento degli insediamenti umani riduce gli habitat naturali 

Gli avvistamenti e gli incidenti di elefanti in genere aumentano durante la stagione della raccolta della frutta: negli ultimi anni, un elefante ha distrutto una casa in cui un residente teneva i prodotti della frutta. Il conflitto elefante-uomo è in aumento negli ultimi decenni, non solo in Thailandia, ma in luoghi come l'India e in tutta l'Asia dove vivono gli animali. Man mano che gli insediamenti umani e le infrastrutture si espandono, gli habitat della fauna selvatica si restringono e si fratturano, lasciando gli animali con meno terra, branchi più piccoli e meno risorse, costringendoli a vagare in cerca di cibo. «Sebbene circa la metà della gamma geografica dell'habitat degli elefanti in Thailandia sia considerata adatta per la conservazione a lungo termine degli elefanti, gran parte di quest'area è minacciata dall'agricoltura, dalle strade e da altri sviluppi con conseguente frammentazione e aumento (conflitto uomo-elefante)», lo ha reso noto uno studio del 2018 sugli elefanti nella Thailandia occidentale, pubblicato sulla rivista PLOS One. Dei 41 proprietari di piantagioni di frutta e agricoltura intervistati nello studio, quasi tutti hanno affermato che gli elefanti hanno fatto irruzione nei loro raccolti almeno una volta al mese e più della metà ha affermato che si trattava di un evento quotidiano. Hanno anche riportato altri tipi di danni alla proprietà, come la rottura di tubature e serbatoi dell'acqua.

Lo studio rivela che nessun singolo metodo di mitigazione può affrontare le molteplici cause del problema, che deriva da un maggiore sviluppo dell'habitat originale degli elefanti e che le soluzioni a lungo termine devono includere «sforzi per ripristinare l'habitat naturale degli elefanti, una corretta pianificazione dell'uso del territorio e scelte di colture meno attraenti per gli elefanti, nonché la messa in sicurezza di corridoi per consentire agli elefanti di spostarsi in ulteriori habitat».

Video

Gli ambientalisti hanno anche raccomandato misure simili in India, che ospita la più grande popolazione mondiale di elefanti asiatici in via di estinzione. Gli elefanti uccidono circa 500 persone in India ogni anno. È un riflesso diretto del loro habitat in diminuzione, che li porta a un maggiore contatto con gli umani, dicono gli ambientalisti. In Cina, il problema è stato messo in evidenza lo scorso mese, con la nazione affascinata da un branco di 15 elefanti che attualmente si sta facendo strada nel sud-ovest del paese. Gli elefanti, che milioni di persone stanno guardando tramite livestream, hanno percorso più di 500 chilometri (310 miglia) da quando sono fuggiti da una riserva naturale lo scorso anno. Sebbene non sia chiaro il motivo per cui se ne siano andati, i biologi vedono la situazione come un avvertimento su cosa succede quando gli habitat degli elefanti vengono degradati. «Le tradizionali zone cuscinetto tra umani ed elefanti stanno gradualmente scomparendo e le possibilità che gli elefanti incontrino gli umani aumentano naturalmente notevolmente», ha affermato Zhang Li, biologo della fauna selvatica e professore alla Beijing Normal University, secondo il tabloid statale Global Times.

© RIPRODUZIONE RISERVATA