«Giustizia per Cucciolone», ira social per il cane ucciso

«Giustizia per Cucciolone», ira social per il cane ucciso
di Marco Pasqua
2 Minuti di Lettura
Martedì 15 Febbraio 2022, 01:24

Non si placano le polemiche intorno alla morte di Cucciolone, l’anziano randagio adottato da Castel Madama, morto, venerdì scorso, dopo una violenta cattura. Inseguito, braccato fino allo sfinimento e, secondo quanto riferito dall’Enpa, narcotizzato per tre volte, sotto gli occhi dei bimbi di una scuola elementare. Un comportamento dettato dalla presunta pericolosità dell’animale, che però non viene confermata da chi lo conosceva.

Una notizia che da giorni viene condivisa sui social dai cittadini, che chiedono giustizia per Cucciolone. Ovviamente si sono mobilitate le associazioni animaliste. L’Enpa sta organizzando una fiaccolata per oggi, mentre la Lega Nazionale per la difesa del cane ne sta preparando una per sabato.

«Era un cane mansueto – attacca la LNDC – che non dava fastidio a nessuno. Alcuni mesi fa, dei ragazzini si erano divertiti a lanciargli dei petardi contro e lui aveva reagito ringhiando, ma senza fare danni. A seguito di quell’episodio erano state presentate delle denunce». «E’ stata presentata una richiesta di esame autoptico – dice Piera Rosati, presidente Lndc – e qualcuno dovrà pagare per quello che è successo. Il nostro ufficio legale si sta muovendo: chi è intervenuto dovrà rispondere di maltrattamento e uccisione di animale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA