«La pizza protegge da malattie e morte, purché fatta e mangiata in Italia», all'Italia l'Ig Nobel per l'improbabile ricerca

Venerdì 13 Settembre 2019
«La pizza protegge da malattie e morte, purché fatta e mangiata in Italia», all'Italia l'Ig Nobel per l'improbabile ricerca

Pizza, che toccasana: già, perché mangiarla sembra aiuti a vivere in buona salute. L'Italia vince l'Ig Nobel 2019 per la Medicina per «aver fornito l'evidenza che la pizza può proteggere da malattie e morte, purché fatta e mangiata in Italia», si legge nella motivazione del premio che la rivista Annals of Improbable Research e l'Università di Harvard dedicano alle ricerche che fanno «ridere ma anche riflettere». Tre gli articoli vincitori, pubblicati su riviste internazionali da epidemiologi di primo piano, rappresentati da Silvano Gallus, di Istituto Mario Negri di Milano e Università di Maastricht.

Pizza alle lumache, il piatto snob vuol diventare popolare

Roma entra nel Guinness con pizza days, ecco la festa della pizza più grande del mondo
 

Inaugurata da un lancio di aeroplanini di carta, la cerimonia organizzata nel Sanders Theatre dell'università di Harvard è entrata subito nel vivo con l'assegnazione dell'Ig Nobel per la Medicina alla ricerca italiana. «Una buona pizza racchiude tutte le virtù della dieta mediterranea», ha detto Silvano Gallus ritirando il premio. Nel minuto che ogni ricercatore ha a disposizione per esporre i suoi risultati e le motivazioni delle ricerche sulla pizza, Gallus ha detto che la pizza può protegge dall'infarto del miocardio e da alcune forme di tumore. Gli ingredienti devono essere però, ha aggiunto, quelli tipici della dieta mediterranea: no, quindi, ad altre 'interpretazioni' della pizza. L'abitudine è stato il tema dell'edizione 2019 degli Ig Nobel e il filo rosso della cerimonia, compresa l'esibizione di un improbabile coro dedicato alle cattive abitudini.

A consegnare il premio, tre autentici Nobel: Eric Maskin, Nobel per l'Economia 2007, Rich Roberts, per le Medicina 1993, e Jerome Friedman, per la Fisica 1990. Il compito di bloccare i ricercatori che non rispettavano i 60 secondi rigorosamente previsti per i loro interventi è stato affidato a una bambina di otto anni, che entrava in scena gridando: 'per favore fermati, mi sto annoiando'. I vincitori avranno comunque occasione di esporre le loro ricerche con più calma domani, nell'evento organizzato presso il Massachusetts Institute of Technology (Mit).

Ultimo aggiornamento: 10:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma